Cronaca

Bologna, incidente ed esplosione in A14

Bologna, incidente ed esplosione in A14

Bologna, incidente ed esplosione in A14

Secondo le prime informazioni un tir, che probabilmente trasportava materiale infiammabile, è rimasto coinvolto in un incidente stradale con una serie di esplosioni a catena che hanno coinvolto anche altri mezzi. Chiusa l’autostrada A14 nel raccordo tra Bologna e Casalecchio di Reno. Sul posto polizia, vigili del fuoco e ambulanze. Traffico bloccato nella zona. La colonna di fumo è visibile a chilometri di distanza.

Diverse ambulanze sono sul posto per soccorrere gli almeno venti feriti per il vasto incendio causato da un incidente stradale che ha coinvolto un tir e altri mezzi lungo il ponte della tangenziale a Borgo Panigale nella prima periferia di Bologna. La colonna di fumo è ancora visibile a chilometri di distanza. Dalle prime informazioni sembra che anche le auto di alcune concessionarie vicine abbiamo preso fuoco per poi esplodere. “Sul raccordo di Casalecchio, tra Bologna Casalecchio ed il bivio con la A14 Bologna-Taranto in entrambe le direzioni – informa Autostrade per l’Italia – si è resa necessaria la chiusura del tratto a causa di un camion che si è incendiato all’altezza del km 3. All’interno del tratto chiuso il traffico è bloccato”. Per lo stesso motivo è stato chiuso il tratto sulla tangenziale di Bologna, tra Bologna Casalecchio e lo svincolo 3 Ramo Verde in entrambe le direzioni.

E’ di due morti e 67 feriti, di cui due in gravi condizioni, il primo bilancio ufficiale del violento incendio scoppiato in tangenziale a Borgo Panigale a Bologna. Secondo una prima stima della Ausl di Bologna sono quattro le persone che destano una maggior preoccupazione e le cui condizioni sono più gravi rispetto agli altri: due pazienti, infatti, sono stati trasportati al centro grandi ustioni dell’ospedale Bufalini di Cesena mentre altre due persone sono state ricoverate a Parma. C’è anche un poliziotto tra i feriti gravi. Si tratta, da quanto si apprende, di un agente in servizio presso un commissariato di Bologna ricoverato nel centro grandi ustionati di Cesena. Rimasti feriti lievemente altri due poliziotti della stradale. Tra i feriti, poi, ci sono anche diversi carabinieri.

“A causa di un incidente si è verificata l’esplosione di un’autocisterna con incendio sul raccordo di Casalecchio A14, all’altezza di via Marco Emilio Lepido. Per agevolare i mezzi di soccorso vi invitiamo a usare i mezzi di trasporto in zona Borgo Panigale solo se strettamente necessario”. E’ l’appello lanciato dal Comune di Bologna ai cittadini via Facebook. L’esplosione dell’automezzo andato in fiamme sul raccordo tra la A1 e la A14 all’altezza di Borgo Panigale ha determinato lo squarcio e il crollo di una porzione della sede autostradale sul ponte che sovrasta la via Emilia. Intorno all’area dell’esplosione sono andati in fumo tutti i supporti di legno che costeggiano il ponte e fungono anche da barriere fonoassorbenti oltre che da strutture di protezione.

Stava probabilmente trasportando gpl l’autocisterna scoppiata a Borgo Panigale sull’A14. Lo ha detto l’ingegner Giovanni Carella, coordinatore emergenze dei vigili del fuoco dell’Emilia-Romagna. “L’onda d’urto è stata violentissima – ha detto – molti feriti, infatti, hanno ferite da taglio per i vetri scoppiati. E’ crollato il viadotto dell’autostrada, la deflagrazione è stata molto violenta e ha squarciato le lamiere dell’autocisterna che molto probabilmente trasportava Gpl. Le fiamme si sono alzate altissime ma sono state domate abbastanza presto”. E’ stato spento l’incendio provocato dall’incidente fra un’autocisterna che trasportava gpl e alcune auto. I vigili del fuoco stanno raffreddando l’area per rendere più fattibili gli interventi. Sono rimasti a lavoro soprattutto le unità cinofile e gli operatori “Usar”, ovvero i soccorritori che si occupano di ricerca e salvataggio in ambienti urbani. L’obiettivo, a quasi tre ore dall’incidente, è capire se ci sono altre vittime.
La procura di Bologna ha aperto un’inchiesta per disastro colposo a carico di ignoti. Sul posto questo pomeriggio si è recato anche il procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato. Secondo quanto emerge dal video dell’incidente, sarebbe stato l’autista dell’autocisterna a tamponare per primo un camion che lo precedeva, in un momento in cui si stava procedendo a bassa velocità per il formarsi di una coda dovuta al traffico.

Categorie:Cronaca

Con tag:,

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.