Politica locale

Amministrative 2018 I° turno. Vince il centrodestra a trazione Lega, il Pd tiene, il M5s continua il tracollo.

Amministrative 2018 I° turno. Vince il centrodestra a trazione Lega, il Pd tiene, il M5s continua il tracollo.

Salvo Pogliese e Emilio Del Bono

Sono le prime amministrative da quando è nato il governo giallo-verde. E i destini non possono essere più diversi. Mentre dal 4 marzo scorso in poi, la Lega continua a mietere consensi e sindaci (o governatori); per il M5s continua la debacle, con il calo di circa il 15% rispetto alle politiche. Loro si giustificano dicendo che hanno presentato una sola lista; mentre sia per il centrodestra, che per il centrosinistra c’erano tante liste collegate. Tutte scuse! Il centrodestra vince anche questo primo turno di amministrative (ma il comando è saldamente della Lega di Salvini); ma a sorpresa il Pd tiene.

Per il centrodestra Udine, Barletta, Catania, Treviso e Vicenza, tutti strappati al centrosinistra. In particolare, mentre a Udine, Treviso e Vicenza ci sono dei leghisti (rispettivamente Pietro Fontanini, Mario Conte e l’indipendente Francesco Rucco); a Catania e Barletta ci sono due uomini di Forza Italia (Salvo Pogliese e l’indipendente Cosimo Cannito). Il Pd conferma Brescia con Emilio Del Bono e trappa al centro destra Trapani (che era commissariata) con Giacomo Tranchida.

Al ballottaggio tutti gli altri. In 8 comuni è in vantaggio il centrodestra. A Sondrio con il leghista Marco Scaramellini contro il centrosinistra; a Pisa primo posto sul filo di lana (33,36 a 32,25%) del centrodestra sul centrosinistra; a Teramo con centrosinistra; a Viterbo si scontrerà con una lista civica; a Brindisi col centrosinistra e a Siracusa in cui si scontrerà con un gruppo di liste civiche. A Terni la vittoria non è arrivata per un soffio; il centrodestra si è fermato al 49,22; se la vedrà col M5s. A Imperia addirittura c’è una lotta fratricida nel centrodestra tra l’ex ministro Claudio Scajola, che si è presentato con delle liste civiche e con il Popolo della Famiglia; che ha preso il 35,28% e il centrodestra istituzionale (Lega, Fi, Fdi e civiche) che + arrivato al 28,67%. A Messina il sindaco in carica Renato Accorinti è arrivato addirittura quarto con il suo gruppo di liste civiche; terzo il centrosinistra. Andranno il ballottaggio il centrodestra organico e un gruppo di liste civiche di orientamento di centrodestra legate a deputato regionale Cateno De Luca.

Ad Ancona Pd e centrosinistra sfiorano la vittoria con l’attuale sindaco Valeria Mancinelli, che prende 47,99% e andrà al ballottaggio con il centrodestra. A Massa il Pd Alessandro Volpi è in vantaggio con il 33,94% e si scontrerà con il centrodestra; ad Avellino con il 42,93% se la vedrà col M5s. A Siena, un pezzo del Pd è andato da solo costituendo una lista civica e candidando l’ex sindaco Pierluigi Piccini. La lista è diventato il primo partito della città; ma per la prima volta nella storia il primo partito non va nemmeno al ballottaggio. Fra due settimane si scontreranno il Pd ufficiale con l’attuale sindaco Bruno Valentini e il centrodestra a trazione Lega.

A Ragusa il M5s, che era al governo da una legislatura, si è presentato con un altro candidato sindaco e ha vinto il primo turno col 22,67%; al ballottaggio affronterà un candidato presentato da Fratelli d’Italia e alcune li9ste civiche. A Ragusa il resto del centrodestra e il Pd sono dietro.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.