Europa

Dopo la Tunisia, Salvini litiga anche con Malta. Durissimo botta e risposta sui migranti

Dopo la Tunisia, Salvini litiga anche con Malta. Durissimo botta e risposta sui migranti

Matteo Salvini

Dopo le tensioni con la Tunisia, il ministro dell’Interno Matteo Salvini se la prende con Malta. Il botta e risposta inizia con Salvini che accusa Malta di “dire sempre di no a qualsiasi richiesta di intervento” per salvare i migranti. Segue la risposta di La Valletta, che bolla come false le accuse del neoministro italiano. Il quale contrattacca: “Gli amici maltesi ci dicano quante navi hanno attraccato nei loro porti nel 2018”.

“Il buon Dio ha messo Malta più vicina della Sicilia e non può sempre rispondere di no a qualsiasi richiesta di intervento” per l’attracco di navi che salvano migranti nel Mediterraneo, ha detto Salvini in una conferenza stampa in prefettura, a Como, dove ha incontrato due autisti di autobus che hanno subito un’aggressione per la quale sono stati arrestati quattro cittadini stranieri. “Non ho intenzione di passare l’estate in emergenza altrimenti avremo modo di porre problemi all’attenzione dell’Italia e l’Europa”, ha aggiunto.

Il governo di Malta ha quindi respinto le accuse. La Valetta “nega di non dare assistenza ai migranti”, è scritto in una nota “in riferimento alle notizie dei media italiani che citano il ministro degli interni Matteo Salvini”. Nella nota si sottolinea il rispetto “di tutti gli obblighi in ogni momento” compresi quelli “per le convenzioni internazionali” sulla sicurezza in mare. “Il governo di Malta smentisce di non aver dato assistenza ai migranti in mare”, si legge nella nota in cui si precisa che il Paese “aderisce a tutti i suoi obblighi in ogni momento. Per quanto riguarda le attività di Search and Rescue, Malta agisce in conformità con le convenzioni internazionali vigenti. Malta continuerà a rispettare queste convenzioni per quanto riguarda la ‘Sicurezza delle vite in mare’, come avvenuto in quest’ ultimo caso e come peraltro in ogni altro caso”, conclude.

Ma Salvini insiste. “Ci dicano gli amici maltesi quante navi che trasportavano migranti hanno attraccato nei loro porti nel 2018, quante persone sono sbarcate, quante domande di asilo sono state esaminate e quante accolte”.

4 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.