Europa

Nuova legge in Svezia, il sesso senza consenso esplicito è stupro

Nuova legge in Svezia, il sesso senza consenso esplicito è stupro

Nuova legge in Svezia, il sesso senza consenso esplicito è stupro

Il parlamento svedese ha approvato a grande maggioranza una legge sulla violenza sessuale che inasprisce le pene ma, soprattutto, riconosce che il sesso senza consenso esplicito è stupro. La chiave della legge, che entrerà in vigore dal primo luglio è, appunto il consenso, che non può essere, per esempio, sottinteso o dedotto dalle circostanze, e neppure evinto dal un «atteggiamento passivo» di una delle parti in causa. In altre parole, mentre nella maggior parte degli Stati europei la legge condiziona la definizione di stupro alla forza, alle minacce o alla coercizione, la Svezia sancisce un punto importante: la partecipazione volontaria all’atto sessuale deve essere esplicitato chiaramente (con parole o azioni) indipendentemente dal fatto che siano state usate violenza o minacce. «Se una persona vuole fare sesso con qualcuno che rimane con un atteggiamento passivo o dà segnali ambigui, dovrà scoprire se l’altra persona è disponibile», si legge sul sito del Governo.

La legge prevede anche due nuovi reati, quello di «stupro colposo» e «abusi sessuali colposi», con entrambi con una pena detentiva massima di quattro anni. In questo caso verrà condannato chi, pur considerando il rischio che l’altra persona non stia partecipando volontariamente, continua il rapporto. Inoltre, la pena minima per stupro e stupro aggravato di un minore vengono aumentate da quattro a cinque anni di reclusione.

La legge arriva dopo una lunga campagna di sensibilizzazione che ha acquisito rilevanza nel dibattito nazionale soprattutto dopo due brutte storie di violenze sessuali avvenute nel 2013, e si inserisce in un più ampio movimento di educazione ai temi del consenso e del sesso che sta avvenendo a livello mondiale, e sta portando sempre più attenzione sul tema della necessità di leggi che prendano in considerazione il “consenso affermativo” quando si parla di reati sessuali.

La legge entrerà in vigore dal primo luglio e sostituisce quella precedente, che prevedeva che debba esserci una violenza fisica, una minaccia di violenza o una forma di sfruttamento di una persona in uno stato vulnerabile, perché si parli legalmente di stupro. La passività della vittima, nella nuova legislazione, non sarà più considerata una forma di partecipazione volontaria nell’atto sessuale.

I problemi della precedente legislazione diventarono evidenti nel 2013, quando sei ragazzi tra i 15 e i 17 anni furono assolti dall’accusa di aver violentato una ragazza: erano inizialmente stati condannati ma la sentenza fu cambiata perché venne stabilito che, in base alla legge in vigore al momento della violenza, la ragazza non poteva essere definita “incapace di intendere”. Nello stesso anno altri tre giovani uomini furono assolti dall’accusa di stupro dopo che avevano penetrato una ragazza di 15 anni con una bottiglia fino a farla sanguinare. La sentenza di assoluzione diceva che «le persone coinvolte in attività sessuali fanno cose l’uno all’altro in un modo spontaneo, senza chiedere il consenso». La ragazza raccontò di aver tenuto le gambe chiuse per provare a impedire la penetrazione, ma la sentenza ipotizzò che lo avesse fatto per «timidezza». I tre giovani uomini furono poi condannati in appello, ma la sentenza di assoluzione provocò grandi critiche e proteste che si raccolsero in un movimento chiamato FATTA (“capitelo”, in svedese).

Grazie alla campagna di sensibilizzazione svolta negli ultimi anni dal movimento, la Svezia ha cambiato la propria legge in materia di consenso e violenza sessuale, adattandola ai principi stabiliti dalla Convenzione di Istanbul del 2011 sulla violenza sulle donne. La Convenzione, tra le altre cose, prevede che le nazioni firmatarie debbano considerare illegale qualsiasi forma di atto sessuale che non preveda il consenso dei partecipanti. Nonostante sia stata firmata dalla maggior parte dei paesi europei, sono pochi quelli che hanno cambiato le proprie leggi per riconoscere il sesso non consensuale come stupro. Tra questi ci sono, oltre alla Svezia, il Regno Unito, la Germania, il Belgio, l’Irlanda, Cipro e l’Islanda. La Finlandia e la Danimarca stanno lavorando a delle leggi che rispettino la convenzione.

In Spagna, dove questo tipo di legislazione non è stato adottato, si è creato negli scorsi mesi un grande scandalo intorno a un caso di stupro di gruppo a San Firmino, il cui processo ha secondo molti evidenziato tutte le criticità delle leggi che prevedono definizioni “flessibili” del consenso. Allo stesso modo, quelle che pongono come condizione perché si parli di stupro una forma di resistenza fisica non tengono in considerazione il fatto che moltissime vittime di violenze sessuali attraversano una sorta di paralisi involontaria e immobilità durante l’aggressione.

Gli attivisti che hanno sostenuto la legge dicono che cambierà il modo in cui nel paese sono percepite le violenze sessuali, nello stesso modo in cui una legge del 1979 che proibiva picchiare i bambini cambiò l’opinione del paese sulle punizioni corporali. La legge significherà anche che più reati sessuali saranno perseguiti legalmente, e secondo i suoi promotori questo avrà la conseguenza che più persone denunceranno le violenze subite, che spesso non vengono segnalate alla polizia. Anna Moller, dottoressa al centro antistupro dell’ospedale Sodersjukhuset di Stoccolma, ha spiegato al New York Times che l’anno scorso soltanto il 60 per cento di chi si è fatto curare alla struttura ha poi denunciato le violenze subite.

Per i tribunali svedesi, secondo molti, non sarà comunque facile valutare di volta in volta se nei casi di presunte violenze sessuali ci sia stato o meno il consenso, che secondo la Convenzione di Istanbul «deve essere dato volontariamente, come risultato dell’espressione della libera volontà della persona nel contesto circostante».

La nuova legge prevede che la forma di consenso sia verbale o fisica. La seconda è da tempo oggetto di un grande dibattito: in molti ritengono che l’interesse sessuale sia una manifestazione chiara e inequivocabile, mentre altri sostengono che non sia sempre facile capire la volontà del partner. Negli ultimi anni l’educazione sessuale più progressista, soprattutto negli Stati Uniti, si è molto spesa per educare i ragazzi a capire i segnali non verbali e a interpretare il consenso, spiegando estesamente che in qualunque caso non si sia sicuri della volontà del partner sia necessario chiederlo esplicitamente. Lo stesso primo ministro svedese Stefan Löfven, commentando la legge, ha detto: «Dovrebbe essere ovvio. Il sesso deve essere volontario. Se non è volontario, è illegale. Se non sei sicuro, allora fermati».

Questa regola basilare non è però ancora condivisa da tutti, visto che secondo un rapporto del 2016 della Commissione europea un terzo delle persone ritiene accettabile un rapporto sessuale senza consenso, «in certe circostanze». Secondo Anna Blus, che si occupa delle leggi europee sullo stupro per Amnesty International, il problema è che la maggior parte delle persone associano lo stupro a un aggressore che esce da un cespuglio e attacca violentemente la sua vittima. In realtà, la maggior parte delle violenze sessuali avviene all’interno delle relazioni, oppure durante degli appuntamenti o incontri inizialmente consenzienti.

Con questa legge la Svezia diventa uno dei pochi paesi dell’Europa occidentale a riconoscere il sesso senza consenso come stupro. Regno Unito, Repubblica d’Irlanda, Belgio, Cipro, Lussemburgo, Islanda e Germania hanno già leggi simili.

Categorie:Europa

Con tag:,,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.