Centrosinistra

Pd: Harambee, la nuova corrente di Richetti

Riforma dei partiti (proposta di legge)
Matteo Richetti
La risposta del Partito Democratico alla disfatta del 4 marzo? La solita. Ovvero, la formazione di una nuova corrente. Questa volta, però, ci siamo spinti davvero in un terreno sin troppo esotico. Parliamo degli Harambee, quelli chiamati a raccolta all’Acquario di Roma da Matteo Richetti. Una parola keniota per definire quella che potrebbe essere una nuova linea all’interno del partito del Nazareno. «In swahili, la lingua nazionale del Kenya – ha affermato lo stesso Matteo Richetti – non ha propriamente un significato. Sta più per un’incitazione che potremmo tradurre con ‘oh-issa’. Si tratta della metafora del lavorare insieme, quello che il Partito Democratico dovrebbe fare per evitare l’estinzione». Già. Dopo i renziani, gli orlandiani, i Giovani Turchi, quelli di Emiliano, ecco spuntare anche la corrente di ispirazione keniota, con qualche suggestione che arriva direttamente dal mondo degli scout. Harambee, infatti, era il titolo una lettera che veniva utilizzata molto spesso dai missionari (lo zio di Richetti era fra questi) per chiedere un aiuto agli italiani per le popolazioni africane. La parola sarà la protagonista della convention di Roma, dove verranno appese al soffitto tantissime lettere o emali arrivate all’esponente del Partito Democratico dopo il 4 marzo, tutte contenenti la medesima esortazione.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.