Centrosinistra

[Storia] Il Partito Democratico della Sinistra

Partito Democratico della Sinistra
Partito Democratico della Sinistra

Il PDS nacque con un incidente: al congresso costitutivo Achille Occhetto non raggiunse il quorum per essere eletto segretario. Causa alcune assenze di troppo ed alcuni “franchi tiratori”, si dovette rinviare l’elezione al Consiglio Nazionale dell’8 febbraio.

Alle elezioni politiche italiane del 1992, il PDS ottenne un risultato considerato deludente, col 16,1% dei voti, perdendo un buon 10% rispetto all’ultimo risultato del PCI, di cui poco più della metà furono “recuperati” da Rifondazione Comunista.

Come stabilito alla sua fondazione, il PDS chiese di aderire subito all’Internazionale Socialista, cosa che avvenne nel settembre 1992 col beneplacito del PSI di Bettino Craxi e del PSDI di Antonio Cariglia.

Due mesi dopo il PDS partecipò alla costituzione del Partito del Socialismo Europeo.

Nel successivo referendum per l’adozione del sistema elettorale maggioritario il Partito si schierò per il sì alla proposta, che prevalse. Alle elezioni amministrative del 1993, le prime con il nuovo sistema, il PDS apparve il Partito centrale del nuovo corso politico, dal momento che le coalizioni di sinistra, delle quali costituiva la forza principale, uscirono vittoriose in tutta Italia, e gli stessi voti del PDS aumentarono praticamente ovunque in maniera anche rilevante. Per le elezioni politiche del 1994, fu quindi promotore di una coalizione che univa le forze di sinistra chiamata “i Progressisti” (PDS, PRC, Verdi, Partito Socialista Italiano, Alleanza Democratica, La Rete ed altri), con l’obiettivo di conquistare il governo del Paese. Ma il risultato elettorale del 1994 vide, però, i Progressisti sconfitti dalla coalizione di centro-destra, ed Occhetto si dimise da Segretario del PDS.

Dopo le dimissioni di Occhetto, si convocò il Consiglio Nazionale per eleggere il nuovo Segretario. Le candidature erano due, quella dell’ex Capogruppo alla Camera Massimo D’Alema, già Segretario della FGCI alla fine degli anni settanta e vicesegretario del Partito dal 1987, fautore di un Partito che andasse sempre di più verso il modello dei Partiti Socialisti del resto d’Europa, e quella del direttore dell’Unità Walter Veltroni, già responsabile della propaganda del PCI negli anni ottanta, fautore di una linea da alcuni definita “kennediana”, vista anche la storica ammirazione di Veltroni per l’ex Presidente USA. Veltroni, visto anche l’esito di un sondaggio nelle sezioni che l’aveva dato per preferito, appariva favorito, ma l’esito della votazione del Consiglio Nazionale fu invece favorevole a D’Alema, che divenne così il nuovo Segretario.

Nel 1995 il PDS fu promotore della fondazione della coalizione di centrosinistra denominata L’Ulivo. L’alleanza, che vide per la prima volta una convergenza politica organica fra ex-democristiani ed ex-comunisti, si presentò nella gran parte delle regioni coinvolte dalle elezioni regionali del 1995 (l’accordo non si realizzò nelle Marche e in Campania).

In occasione delle elezioni politiche del 1996, il PDS fu parte integrante della coalizione dell’Ulivo, che comprendeva, tra gli altri, Partito Popolare Italiano, Rinnovamento Italiano e Verdi. Nella quota proporzionale, inoltre, il PDS si presentò insieme ad alcune formazioni minori (Comunisti Unitari, Cristiano Sociali, Federazione Laburista, Sinistra Repubblicana), segnalando nel contrassegno elettorale la dicitura Sinistra Europea.

Le elezioni videro la vittoria del centrosinistra: il PDS si attestò il primo partito italiano, con quasi 8 milioni di voti e il 21,1% dei voti; Romano Prodi divenne presidente del Consiglio.

Nel nuovo Governo il PDS era il partito più rappresentato, con Walter Veltroni Vicepresidente del Consiglio, e molti ministeri-chiave. Questo Governo si contraddistinse per la definitiva adesione dell’Italia al progetto di moneta unica europea, l’euro. Non mancarono, tuttavia, momenti di tensione all’interno della maggioranza. D’Alema accusò a volte il Governo di “non rispondere alle aspettative della sinistra italiana”, e nel 1997 andrà in piazza ad un corteo organizzato dalla CGIL che contestava il piano del Governo sull’occupazione, accusato di essere insufficiente. Lui stesso, tuttavia, al congresso dello stesso anno, ebbe tensioni proprio con l’area del partito più vicina alle posizioni del Sindacato. Il congresso decise, con la condivisione di tutti, di portare avanti l’idea della “Cosa 2”, una nuova forza politica che aggregasse il PDS ad altre forze di sinistra per costruire una forza più grande della sinistra italiana.

La storia del PDS termina nel 1998, quando, sotto la guida di D’Alema, la “Cosa 2” viene definitivamente attuata, portando il partito a fondersi con altre forze della sinistra italiana. Di esse soltanto una proveniva dalla storia del comunismo (il Movimento dei Comunisti Unitari), mentre le altre erano di provenienza social-riformista (Federazione Laburista e associazione Riformatori per l’Europa), di provenienza laica (Sinistra Repubblicana) e perfino di provenienza e cultura cattolica (Movimento dei Cristiano Sociali). La fusione si concretizza con la convocazione degli “Stati generali della Sinistra”. Da questa apertura del PDS a tali forze della sinistra moderata, nacque un nuovo soggetto: i Democratici di Sinistra (DS). I DS divennero così a pieno titolo una forza della sinistra democratica italiana, che se da un lato sottolineava il suo legame con il socialismo democratico europeo – anche eliminando dal simbolo il riferimento al PCI e sostituendolo con una rosa rossa (simbolo appunto del socialismo europeo) con accanto prima la sigla del “PSE” e poi perfino la scritta per esteso “Partito del Socialismo Europeo“- dall’altro continuava a rivendicare il riconoscimento della migliore tradizione del PCI come partito-simbolo della sinistra italiana ed il suo pieno riconoscimento come forza fondamentale della storia politica italiana.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.