Musica

Sanremo 2018 – Il mio editoriale

sanremo 2018

Sanremo 2018 – Il mio editoriale

Una bella edizione di SanRemo quella che si è appena conclusa. Ed è una di quelle che a fronte di previsioni negativissime della vigilia; ha invece dato ottimi risultati superando sempre la soglia del 50% di share (tranne la seconda serata, 47%) e arrivando nella serata finale addirittura al 58%. Ottimale è, poi, la scelta dei conduttori. Se Claudio Baglioni non ha spiccato per le sue doti di conduzione (ma non gli veniva chiesto quello) è stato sicuramente un ottimo organizzatore. Ha dato più spazio alla musica e meno allo spettacolo. Innanzitutto ha allungato la durata dei pezzi da 3’40” a 4′. E’ dimostrato che, al contrario di quanto dicevano gli organizzatori precedenti questo non saperebbe andato a scapito della lunghezza del festival. Gli ospiti, sono stati pochi e quasi tutti c’entravano con la musica. Sono state cinque serate passate d’un fiato con musica che si succedeva ad altra musica, in gara o meno. Via le eliminazioni, ma classifica finale completa. Baglioni ha dimostrato che la venuta meno del “sangue” non ha compromesso il festival in fatto di ascolti. Brava Michelle Hunziker, che è stata la vera conduttrice del programma e bravo anche PierFrancesco Favino detto Picchio, che ha dimostrato di essere uno show-man completo; non solo recitazioni, ma anche ballo, canto, suonare strumenti ed altro.

Sono abbastanza d’accordo con il podio e sono contento molto della vittoria del duo Ermal Meta e Fabrizio Moro. La canzone è partita per l’inizio per favorita o almeno io dopo la prima serata ho sentito il netto distacco dalle altre; ma dopo la polemica che c’è stata ho pensato che la vittoria sarebbe stata compromessa. Per questo la vittoria finale è stata combattuta fino all’ultimo. Fino all’inizio della serata finale, c’erano tre sole canzoni che erano state sempre in fascia alta ed erano quelle di Moro Meta, di Max Gazzè e di Ron. Poi il televoto della serata finale ha fatto scendere Ron al quarto posto e Gazzè al sesto. Entrambi le canzoni non mi sono tanto piaciute; ma penso che quella peggiore sia senz’altro quella di Ron. Il merito di questa canzone è stato di essere un inedito di Lucio Dalla, affidato dagli eredi, tramite casa discografica al patron del Festival, che poi ha chiesto a Ron di cantarla sul palco dell’Ariston. Ma dato che è così brutta, parere personale, penso che se Dalla ha deciso di lasciarla inedita ci sarà stato anche un perchè. E’ capitato la stessa cosa qualche anno fa con Paolo Rossi per un inedito di Rino Gaetano.

Il televoto ha premiato oltre al duo vincitore, anche il gruppo indie de Lo Stato Sociale, che ha sorpreso sul palco ed ha portato una canzone allegra e molto canticchiabile; nonchè attentata ai temi attuali. Molto in spolvero anche Annalisa che ha portato una canzone fantastica e che ha meritato di salire sul podio; Ornella Vanoni, inaspettatamente premiata dal televoto, che ha portato una canzone d’amore che invita anche a saper lasciarsi quando una storia finisce ed ha ricevuto il premio per la migliore interpretazione e il Baglioni d’oro del Dopo Festival.

Personalmente mi sono piaciute molto ed ho tifato per loro, oltre alle già citate canzoni di Meta Moro e Annalisa, anche la canzone di Diodato e Roy Paci, che è cresciuta di intensità nel corso delle serate e la canzone di Red Canzian, che ho trovato molto bella, ma che essendo stata molto sottovalutata nel Festival fin da subito ha ottenuto un 15° posto “onorevole”. Poi, ci sono anche le canzoni che credo abbiano ottenuto troppo. Oltre ai già citati Gazzè e Ron; potrei citare anche Luca Barbarossa; la cui canzone è davvero sbiadita, e non perchè è in romanesco.

Renzo Rubino ha portato una canzone difficile, Noemi sono tre Festival che non indovina la canzone da portare (o per lo meno che io ne rimango deluso). Sotto le aspettative anche Nina Zilli. Infine, ultimo atto per Elio e le Storie Tese finito nel peggiore dei modi (La canzone era davvero pessima). Avrebbero potuto concludere a dicembre come avevano detto; avrebbero avuto un finale di carriera più dolce.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...