Altri partiti

Nuovo statuto per il M5s. Via il vincolo di non fare alleanze.

Nuovo statuto per il M5s. Via il vincolo di non fare alleanze.

Luigi Di Maio

Arrivati per aprire il Parlamento come una scatoletta di tonno, oggi i grillini ambiscono a poltrone e posizioni al pari di tutti gli altri. Stando ai sondaggi, il Movimento 5 Stelle è il primo partito in Italia, ma di fare il secondo arrivato non ha più intenzione e quindi con il varo del nuovo statuto apre alle alleanze con le altre forze politiche. Il nuovo Statuto e le nuove regole per le candidature mandano in soffitta un altro principio base del movimento, quello dell'”uno vale uno”. Già, perché dopo la conclusione delle parlamentarie, le cui candidature sono scadute oggi alle 17, saranno comunque Luigi Di Maio e Beppe Grillo a intervenire sulla composizione delle liste per i collegi plurinominali, dove le liste sono bloccate e l’ordine di lista farà la differenza per l’elezione.  Potranno concorrere anche gli indagati e questo mette un paracadute anche sulle altre vicende del Movimento, come quella che vede Virginia Raggi rinviata in giudizio con l’accusa di falso per alcune nomine in Campidoglio. Insomma, se prima il Movimento era più manettaro, oggi sul tema delle indagini a carico dei politici i toni sono diventati più prudenti.

Il nuovo regolamento tradisce una delle norme cardine per il funzionamento della democrazia parlamentare: ovvero l’articolo 67, che permette ad un deputato di abbandonare il proprio gruppo quando si trovi in dissenso con esso. Perché il parlamentare una volta eletto rappresenta il popolo e non il partito. Con il nuovo regolamento il Movimento impone una multa di 100 mila euro ai fuoriusciti e introduce, di fatto, il mandato imperativo attualmente vigente solo in Portogallo, a Panama, in Bangladesh e in India.

Via il vincolo di non fare alleanze e apertura agli indagati. Quest’ultimi, se non per reati gravi, saranno valutati, di caso in caso, per una possibile candidatura. Apertura necessaria, visti i molti esponenti oggi accusati a vario titolo all’interno del movimento. Con la necessità poi di trovare una classe dirigente che risponda più alle esigenze di carattere elettorale, sarà possibile anche pescare candidati tra i non iscritti alla piattaforma, attingendo dalla mistica “società civile”, senza contare che, per esigenze di cassa, anche i nuovi eletti dovranno versare una quota al partito per le funzioni fondamentali.

Inoltre, il regolamento introduce l’obbligo per i parlamentari eletti nelle fila M5S di votare a favore di “qualsiasi fiducia” posta da un eventuale, futuro presidente del Consiglio pentastellato. Una regola quasi scontata, che vale in tutti i partiti, ma in maniera tacita. Averla scritta così chiaramente, però, mostra ancora una volta quale modello di partito abbiano in mente Di Maio e Grillo e il grado di inaffidabilità interna ad un movimento che non nasce nelle sezioni e nelle assemblee di circolo, negli scontri e incontri reali, ma che viene selezionata in maniera impersonale (e forse casuale) sul web, con pochi click.

Il Movimento cambia pelle con una svolta marcatamente autoritaria, volta a blindare e limitare tutti i possibili passi falsi di una classe dirigente ancora immatura. L’esigenza e la preoccupazione sono quelle di non ripetere gli errori del passato, le ingenuità che finora sono state perdonate a dei politici alle prime armi. Quindi una regola vieta espressamente di assumere parenti e affini come assistenti e di “usare il movimento come taxi per arrivare in Parlamento”.

Intanto però i costituzionalisti pongono seri dubbi sulla costituzionalità del nuovo regolamento, soprattutto sulla parte che introduce il vincolo di mandato e la multa per chi decide di uscire dal movimento. In quel caso anche una scrittura privata sarebbe nulla per il principio di prevalenza del diritto costituzionale, mentre non vedono nessuna inconstituzionalità sulla necessità di un partito di organizzare una propria disciplina interna.

Al M5S manca solo di rinnegare il vincolo dei due mandati e poi hanno cambiato tutte le regole che si erano dati nel 2009 e per cui di vantavano di essere diversi da tutti gli altri. Non un partito, ma un movimento. Non uno Statuto, ma un non-statuto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.