Lgbt

La Germania ha legalizzato i matrimoni gay

La Germania ha legalizzato i matrimoni gay

La Germania ha legalizzato i matrimoni gay

Il Bundestag tedesco ha approvato un progetto di legge che istituisce il matrimonio omosessuale nel paese e che permette dunque alle persone dello stesso sesso di adottare dei bambini: 393 deputati hanno votato a favore, 226 contro e in quattro si sono astenuti. Il voto era palese e dalle immagini si vede che Angela Merkel ha votato no: il suo voto contrario è stato poi confermato in un comunicato stampa in cui la cancelliera dice che «Il matrimonio è tra un uomo e una donna» e che spera comunque che la nuova legge porterà a una maggiore coesione sociale. Il testo della proposta approvata dalla camera bassa stabilisce che «il matrimonio è stipulato a vita tra due persone di sesso diverso o dello stesso sesso» e prima di entrare in vigore – si prevede entro la fine dell’anno – dovrà essere confermato dalla camera alta del Parlamento.

Dal 2001 la Germania aveva in vigore una legge sulle unioni civili, ma era uno dei pochi paesi occidentali a non avere ancora una legge che permettesse i matrimoni gay: un altro è e resta l’Italia. L’approvazione della legge da parte del Bundestag era praticamente certa: ai voti dei Socialdemocratici si sono aggiunti anche i voti della Sinistra (Linke), dei Verdi e del Partito Democratico Libero. Hanno votato a favore anche 70 deputati della Cdu, quasi uno su quattro, dice Spiegel. Alla votazione di oggi si è arrivati molto velocemente dopo alcune dichiarazioni di apertura fatte dalla cancelliera Angela Merkel lunedì 26 giugno durante un evento organizzato dalla rivista femminile tedesca Brigitte.

 

Finora la posizione sui matrimoni gay di Merkel e del suo partito, l’Unione Cristiano-Democratica (Cdu), era stata di relativa chiusura, anche per non entrare in conflitto con l’Unione Cristiano Sociale in Baviera (Csu), partito della Baviera legato alla Cdu e grande difensore della cosiddetta “famiglia tradizionale”. Qualche giorno fa la cancelliera si era però detta favorevole a lasciare libertà di coscienza ai parlamentari del suo partito se la proposta di legge per legalizzare i matrimoni gay fosse arrivata al voto nel Bundestag. Le opposizioni e i Socialdemocratici, approfittando anche della pressione da parte dei cittadini e delle cittadine a seguito delle dichiarazioni di Merkel, hanno dunque deciso di accelerare i tempi e di chiedere un voto immediato. Il 28 giugno si è riunita la commissione competente e i contrari per la presentazione immediata del progetto in Parlamento erano finiti in minoranza, compresi i membri della Cdu.

Secondo diversi osservatori l’accelerazione sui tempi del voto sui matrimoni omosessuali si deve all’avvicinarsi delle elezioni parlamentari, che si terranno in Germania nel settembre 2017: i Socialdemocratici, i Verdi e il Partito Democratico Libero – tutti potenziali alleati della Cdu nella nuova coalizione di governo che si dovrà formare a settembre dopo le elezioni – avevano detto che un accordo sui matrimoni gay era una condizione imprescindibile per iniziare a discutere con la Cdu. La nuova posizione espressa da Merkel è sembrata dunque la risposta alle richieste dei suoi potenziali futuri alleati di governo e in molti hanno denunciato la politicizzazione di un argomento così sensibile. La Cdu potrebbe anche avere voluto togliere un argomento piuttosto forte di campagna elettorale ai suoi oppositori. Gli ultimi sondaggi realizzati in Germania mostrano un grande consenso per la legalizzazione dei matrimoni gay.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...