Torino, Appendino indagata per i feriti di piazza San Carlo

Torino, Appendino indagata per i feriti di piazza San Carlo
Torino, Appendino indagata per i feriti di piazza San Carlo
Chiara Appendino

Svolta nell’inchiesta di piazza San Carlo. Sono infatti saliti a tre gli indagati per quanto accaduto la serata del 3 giugno alla finale di Champions League e tra loro c’è la sindaca Chiara Appendino, indicata in molte denunce dei feriti come responsabile della mancanza di sicurezza nella gestione dell’evento, che si è concluso con un fuggi fuggi che ha provocato la morte di una donna e il ferimento di un numero impressionante di tifosi, 1526, quasi tutti tagliati dai cocci di bottiglia che ricoprivano la piazza torinese a causa della mancanza di una ordinanza anti-vetro.

Iscritti assieme a lei nel registro degli indagati sono Maurizio Montagnese e Danilo Bessone, presidente e dirigente di Turismo Torino, la municipalizzata incaricata da Palazzo civico di organizzare l’evento. I due manager hanno già ricevuto l’avviso di garanzia e, mentre il primo è già stato sentito dai pm Vincenzo Pacileo e Antonio Rinaudo, l’altro sarà interrogato nei prossimi giorni. I magistrati e gli investigatori della Digos, che indagano per lesioni e per omicidio colposo, oltre a cercare di individuare che cosa abbia scatenato la psicosi di un attentato durante Juventus-Real Madrid, cercano di ricostruire anche la catena di comando che ha curato l’evento in tutte le sue fasi, dalla decisione di organizzarlo alla gestione della sua sicurezza

Ma da Palazzo di Città precisano: “Non abbiamo ricevuto alcun avviso di garanzia, nè convocazioni in procura”. L’iscrizione di Appendino sarebbe descritto come un atto dovuto dopo la denuncia di uno dei 1526 feriti che la chiamata direttamente in causa per quanto accaduto. Dunque l’avviso non sarebbe frutto delle indagini

investigative – coordinate dal procuratore capo Armando Spataro – e riguarderebbero dunque l’accusa di lesioni. Almeno per ora il nome della sindaca non comparirebbe nel fascicolo sull’omicidio colposo per la morte di Erika Pioletti,rimasta schiacciata nella calca e morta dieci giorni dopo.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...