Centrodestra

Lega: Salvini rieletto segretario

Lega: Salvini rieletto segretario

Matteo Salvini

A urne ancora aperte ci aveva provato anche Umberto Bossi: «Se vince Salvini è finita. Porterà la Lega al sud. Ci sono migliaia di fuoriusciti. Io potrei valutare la situazione. Sono per continuare la battaglia di liberazione del Nord». Ma che Matteo Salvini potesse non vincere queste primarie della Lega Nord era praticamente impossibile. Meno di un’ora dopo la chiusura dei seggi Youtrend lo dava all’80%. In Liguria stravince col 95%. Il risultato finale non dà adito a dubbi: Matteo Salvini vince a livello nazionale con l’82,7% dei voti. Più contenuto il successo in Lombardia dove prende il 78%. Al voto in tutta Italia hanno partecipato circa 15mila militanti, con almeno un anno di iscrizione al partito. A Gianni Fava solo bricciole.

Dalla festa di Bonate Sopra vicino a Bergamo Matteo Salvini commenta: «Una sola parola: grazie. Abbiamo abbondantemente superato l’80% dei voti! Ora l’obiettivo è mandare a casa Renzi, Alfano, Boschi e Boldrini, bloccare l’invasione clandestina in corso, rilanciare lavoro e speranza in Italia. Se voi siete pronti, io ci sono. Insieme si vince».

Al di là dei numeri si capisce che il partito ha qualche incrinatura. Umberto Bossi, ma non ci crede nessuno che possa farlo, sogna il salto nel buio: «Fuoriusciti ed espulsi hanno messo insieme un partito abbastanza grande, attorno a Roberto Bernardelli. Potrei valutare…». Lo sconfitto Gianni Fava che solo nel mantovano, la sua terra, perde di misura contro il segretario 124 a 118, assicura che invece non ci sarà alcuno strappo: «Ho sempre detto che avrei perso per unire la Lega, non per dividerla». Ma i mal di pancia sono tanti. E si vedranno già domenica prossima al congresso di Parma che dovrà ratificare la vittoria di Matteo Salvini. Alla fine lo scontro è tra chi sostiene la linea nazionale e sovranista su cui ha fatto virare il movimento Matteo Salvini. E chi come Roberto Maroni che pure ha spinto Gianni Fava suo assessore all’Agricoltura a Palazzo Lombardia. Il Governatore insiste sul Nord ma si inchina davanti al vincitore: «Da domani tutti uniti con il segretario. Il nostro obiettivo è il referendum sull’autonomia in Lombardia del 22 ottobre».

I numeri di queste primarie chiudono per ora la partita. Il rischio di non arrivare all’80% Matteo Salvini lo aveva messo in conto e si era bello che attrezzato: «Non ho mai parlato di percentuali. Volevo solo che la gente votasse confermando il lavoro e le vittorie di questi tre anni». Chi teme che con la conferma della vittoria di Salvini il movimento viri più a destra, troppo a destra, troppo vicino ad esperienze come quella di Marine Le Pen in Francia, si trova già le rassicurazioni del segretario: «La svolta lepenista della Lega non è mai esistita. Noi mandiamo a casa Renzi e in autunno proviamo a vincere per cambiare il Paese». La lunga marcia del segretario ha gli obiettivi di sempre: «Gli avversari sono Matteo Renzi e Angela Merkel. Ho un’idea di Lega che non sia al servizio di nessuno e combatte le battaglia non solo in Lombardia e Veneto ma anche al fianco dei terremotati abruzzesi, dei pescatori siciliani e degli agricoltori pugliesi».

In agenda Matteo Salvini ha 2 punti fermi: stop immigrazione e ridiscutere i trattati Ue. Naturalmente ci sono da discutere le alleanze. Quella trovata lungo la strada con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia è solida. Quella con Silvio Berlusconi meno scontata. A quelli che proprio non vogliono rinunciare Matteo Salvini ricorda sempre che non si possono rimpiangere i tempi della Lega al 3%. Adesso che è stato riconfermato segretario alza la posta: «Non dobbiamo allearci a prescindere e a vita con Berlusconi. Io lavoro per un centrodestra unito e compatto per andare a governare. Però patti chiari e amicizia lunga».

1 risposta »

  1. Diciamo che le primarie di 15.000 persone a cui partecipano solo gli iscritti al partito si sono sempre chiamati orgogliosamente congressi. Altro che il 1.800.000 e più che ha votato alle primarie del Pd e di cui qualcuno si è anche lamentato …

    Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...