Elezioni in Islanda: flop dei Pirati

Elezioni in Islanda: flop dei Pirati

Elezioni in Islanda: flop dei Pirati
Elezioni in Islanda: flop dei Pirati

Non c’è stato in Islanda l’atteso boom elettorale del cosiddetto partito dei Pirati. La lista guidata da Birgitta Jonsdòttir, fautrice di riforme radicali e di una lotta dura alla corruzione, hanno ottenuto appena il 14,8% dei voti, piazzandosi al terzo posto dietro ai conservatori del Partito dell’Indipendenza (29,1) e ai Verdi (15,8). Il candidato a formare il nuovo governo sembra essere il leader del partito dell’Indipendenza Bjarni Benediktsson, ex ministro delle Finanze, a cui però il presidente della Repubblica Gudni Johannesson non ha ancora dato l’incarico. Ci sono molte incognite sulla possibile compagine di governo. Il partito di Benediktsson può contare su 21 seggi in Parlamento ma ha bisogno di almeno altri 11 per avere la maggioranza. Otto potrebbero arrivare dai Progressisti (che sono però centristi) dell’ex premier Sigmundur Davio Gunnlaugsson. L’ago della bilancia potrebbero coi essere i sette deputati del Partito della Rigenerazione.

Annunci

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...