Parlamento

Marco Pannella è morto. Adesso non dovrà più preoccuparsi di dover interrompere il suo sciopero della fame.

Marco Pannella è morto. Adesso non dovrà più preoccuparsi di dover interrompere il suo sciopero della fame.

Marco Pannella

Marco Pannella è morto in una clinica privata a Roma, dove era ricoverato da mercoledì sera. Lo storico leader del Partito Radicale, considerato uno dei politici più importanti e influenti della storia repubblicana dell’Italia, aveva 86 anni – compiuti lo scorso 2 maggio – e da tempo era malato di cancro. Nelle ultime settimane avevano fatto visita a Pannella moltissimi amici, giornalisti e politici, tra cui sia l’attuale presidente del Consiglio Matteo Renzi sia Silvio Berlusconi.
Pannella è stato unico nella storia politica italiana, per modo di viverla, per indipendenza e originalità di pensiero, e per carattere: aveva iniziato a fare politica negli anni Cinquanta e aveva continuato a farla praticamente fino alla fine della sua vita: negli ultimi giorni di gennaio del 2016, per esempio, ha partecipato a un convegno sul rispetto dei diritti umani in Iran della Ong “Nessuno tocchi Caino”, legata ai Radicali. Ha avuto una vita movimentata, ricca, contraddittoria – larger than life, più grande di una vita sola, direbbero gli americani – vissuta per lungo tempo all’interno del dibattito politico e culturale italiano: fu direttore di due quotidiani di sinistra radicale, Lotta continua e Liberazione, per esempio, e anche sostenitore del primo governo di Silvio Berlusconi nel 1994.
Promosse per tutta la vita i valori democratici e liberali, la difesa dei diritti umani e dell’autodeterminazione individuale, ma negli anni è stato accusato di aver disposto del Partito Radicale in maniera eccessivamente autoritaria. Aveva condotto e vinto decine di battaglie politiche e culturali di massa – a favore della libertà di scelta sull’aborto, del divorzio e dell’obiezione di coscienza alla leva, contro i Patti Lateranensi fra stato italiano e Vaticano, per la depenalizzazione delle droghe leggere e il miglioramento delle condizioni di vita nelle carceri, eccetera – senza incassarne mai grandi dividendi politici: è entrato e uscito dal Parlamento per gran parte della sua carriera, non è mai stato al governo.
Pannella si era anche concentrato a lungo su temi più marginali, cercando di farli entrare nel dibattito pubblico: la responsabilità civile dei magistrati, l’indipendenza del Tibet, l’europeismo, la lotta alla caccia. Aveva sostenuto tutte queste cause con la sua abile e particolare oratoria e con le tecniche della cosiddetta “disobbedienza civile”: lunghi scioperi della fame e della sete, comizi interminabili, manifestazioni pubbliche.Aveva detto di aver fumato «per una vita» 100 sigarette Celtic al giorno, e di essere recentemente passato a 60 sigari toscanelli. Due anni fa aveva raccontato al Fatto: «Due tumori alla mia età ci possono pure stare. Me ne frego. Semmai ho un dolorino ai reni che non si capisce cosa sia».
Oltre che per i rapporti personali complicati con vari membri dei radicali – aveva litigato pubblicamente più volte con Emma Bonino, il più importante esponente dei Radicali dopo Pannella: l’ultima volta solo qualche mese fa – Pannella era anche noto per le sue dichiarazioni molto sopra le righe o poco verificabili. Nel 2005, poco prima di accordarsi per entrare nella coalizione di centrosinistra guidata da Romano Prodi, disse che in caso di vittoria di «questo centrosinistra prodiano» sarebbe scappato dall’Italia, «come era espressione anche di speranza il gesto di coloro che andavano in esilio agli albori del nazismo e del fascismo». Sostenne di aver incontrato a 17 anni il noto intellettuale italiano Benedetto Croce, che gli disse che erano parenti. Ultimamente aveva detto che Papa Francesco gli aveva telefonato per dirgli: “La ringrazio per il suo coraggio, continui a essere coraggioso”.

Sono stato d’accordo con molte battaglie di Pannella; anche se non con tutte. Ma quello che non condividevo di lui è l’uso dello sciopero della fame come arma. Cioè il dire: se non mi concedi “questo”: io non mangio più e se muoio tu mi avrai sulla coscienza. Non c’è da meravigliarsi che tutto quello che ha ottenuto non sia stato acquisito con questa tattica, ma con altre forme (referendum, leggi parlamentari ecc.). Ma nonostante tutto questo si accaniva ad insistere con questo metodo. Negli scorsi anni ho anche ripetuto questo concetto in un mio editoriale, anche perchè questa cosa la penso da sempre. Proprio per questo immaginavo che prima o poi il momento della dipartita di Pannella sarebbe arrivato. E anzi, per una persona che ha affaticato così tanto il suo corpo essere morto a 86 anni è sicuramente un bel traguardo.

Non sono ipocrita Pannella. Non credo che in morte debba migliorare il giudizio che si aveva di una persona in vita; quindi il mio giudizio non cambia su dite. Precedentemente sull’uso che Pannella fa dello sciopero della fame avevo detto “Pannella vuole solo un modo onorevole di morire per fare in modo, a morte avvenuta, di farsi dedicare una via, se non con la scritta “statista”, almeno con quella di “martire”. … e allora Pannella muori e non parliamone più!”. E sicuramente credo che prima o poi una via gli verrà intitolata .. anche se credo che non c’era bisogno di martoriare il proprio corpo (contando anche i milioni di sigarette fumati) per ottenere questo!

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.