Reggia di Caserta: i sindacati contestano i sindacati

Reggia di Caserta
Reggia di Caserta
Reggia di Caserta

La notizia ha fatto il giro d’Italia e credo anche d’Europa in poche ore, tanto è incredibile quello che è accaduto a Caserta e precisamente alla Reggia Vanvitelliana. Il personaggio principale della vicenda è il dottore Mauro Felicori, dirigente della Reggia di Caserta dall’agosto scorso con il compito di rilanciare la Reggia Questo signore si sarebbe reso responsabile di un comportamento irresponsabile: Lavora troppo. Si avete capito ma, cosa ancora più allucinante ed incredibile,  è che a formulare quest’accusa sono alcune sigle sindacali che, in una segnalazione inviata direttamente al Ministro della cultura Dario Franceschini denunciano un eccessivo prolungamento dell’orario di lavoro del dirigente, che nei fine settimana non raggiunge la sua Bologna, che vuole rendere fruibile ai turisti la Reggia sette giorni su sette, eliminando la chiusura del martedi, che ha deciso spostamenti di personale per rendere la struttura più funzionale ed efficiente. Insomma è stato accusato di fare  il proprio dovere.

Questo i sindacati firmatari della comunicazione proprio non lo possono tollerare e allora hanno deciso di puntare il dito su questo professionista che non ha capito come si campare. C’è indignazione nell’opinione pubblica, il dirigente ha ricevuto la solidarietà di molte autorità. Prime tra tutte quella del Presidente del Consiglio Matteo  Renzi, che dopo aver attaccato i sindacati con un “è finita la pacchia“, nella sua enews settimanale è tornato a parlare della Reggia e anche di come “grazie al gran lavoro siano cresciuti gli incassi” e anche una esplicita condanna da parte della Camusso, Segretaria Nazionale della Cgil. Certamente le sigle sindacali firmatarie  dovranno spiegare il vero significato di questa deplorevole iniziativa che non si stenta però ad inquadrare in un allarme lanciato da chi, probabilmente, era abituato ad altri ritmi, ad altre responsabilità e a non sentirsi vincolato a compiere il proprio dovere. “Prendiamo le distanze dal comportamento dei sindacalisti coinvolti nella  vicenda della Reggia di Caserta –  afferma in una nota Nicola Turco, il segretario Generale della Uilpa (organizzazione sindacale del pubblico impiego) uno dei sindacati che ha firmato la nota,  – Precisiamo che non eravamo a conoscenza di tale iniziativa rispetto alla quale esprimiamo un giudizio di assoluta contrarietà per l’atteggiamento irresponsabile dei sindacalisti coinvolti. Assumeremo tempestivamente ogni azione per accertare fatti e responsabilità”.  E Barbagallo, che ieri aveva annunciato la sospensione dei firmatari Uil, arriva a dire: mi schiero con il dirigente.

Annunci

3 Comments

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...