Referendum sull'indipendenza della Catalogna: votano solo gli indipendentisti

Referendum sull’indipendenza della Catalogna: votano solo gli indipendentisti

Referendum sull'indipendenza della Catalogna: votano solo gli indipendentisti
Referendum sull’indipendenza della Catalogna: votano solo gli indipendentisti

Per il referendum sull’indipendenza della Catalogna solo un terzo dei votanti si è recato alle urne: circa due milioni di persone. Dall’altra il 80,72% di chi ha votato ha scelto pr l’indipendenza della Catalogna. Per l’esattezza le domande poste erano due: la prima riguardava l’ipotesi di dare alla Catalogna lo statuto di nazione, la seconda se concederle l’indipendenza. L’alta percentuale di sì si spiega con il fatto che a mobilitarsi sono stati quasi esclusivamente gli indipendentisti. I recenti sondaggi danno indipendentisti e lealisti sul filo del rasoio, intorno al 50% ciascuno.

In un’atmosfera pacifica e senza incidenti la Catalogna ha votato oggi in urne di cartone per il suo sogno indipendentista, sfidando il divieto della Corte costituzionale e la minaccia dell’arresto dei presidenti dei seggi, in una consultazione simbolica, che vuole essere l’anticipo di quella legale. «Ci siamo guadagnati sul campo il diritto a un referendum definitivo», ha detto il presidente catalano Artur Mas (CiU), assumendosi la «responsabilità legale» dell’intero processo partecipativo, fra l’entusiasmo alle stelle del popolo indipendentista, che lo ha accolto alla Escola Pia, dove ha depositato nelle urne il suo doppio `sì´: sì alla Catalogna come stato, sì a uno stato indipendente.

Nell’impossibilità di definire un censo elettorale e in mancanza di una Giunta elettorale centrale, lo scrutinio non ha nessun valore legale. Ma il voto, verificato da un sistema informatico che impedisce alla stessa persona di votare due volte, «è un successo della democrazia in sé», secondo Carme Forcadell, la `pasionaria´, presidente dell’Assemblea Nazionale Catalana, che ha mobilitato l’esercito dei 40.000 volontari, a cui è stato affidato lo svolgimento della consultazione in assenza di arbitri ufficiali, neutri ed imparziali. La Spagna è ancora unita, però questo referendum, supper non legale, ha risvegliato i sogni degli indipendentisti catalani e anche quelli di altri popoli europei; soghi che si erano assopiti dopo la recente sconfitta scozzese.

Annunci

2 commenti

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...