Centrosinistra

Civati – Cuperlo – Vendola: alleanza “possibile”

Nichi Vendola, Giuseppe Civati e Gianni Cuperlo

Nichi Vendola, Giuseppe Civati e Gianni Cuperlo

C’erano Vendola, Civati, Cuperlo al PolitiCamp 2014 di Livorno, movimentato da Nichi Vendola che chiede a Pippo Civati a Gianni Cuperlo di non rinunciare a un “universo comune”. Il leader di Sel spiega infatti che vorrebbe “fare delle cose” con la sinistra Pd, che malsopporta lo straripante protagonismo di Renzi. Il PolitiCamp è stato organizzato a Livorno dall’ala ‘civatiana’ del Pd. Civati ha definito “un ricatto” il modo in cui si stanno conducendo le trattative sul Nuovo Senato e sulle riforme, “Continuo a sentirmi dire che non ci sono alternative, o me o il Senato…”. Vendola nelle ultime settimane ha visto una inarrestabile emorragia di parlamentari usciti da Sel e diretti verso il Pd (per adesso nel misto).

Il Politicamp di Pippo Civati al The Cage di villa Corridi a Livorno diventa la “casa” che ospita le figure di riferimento di quanti a sinistra, nel Pd e non solo, guardano con mille punti interrogativi alla politica del premier Matteo Renzi, a cominciare dall’ex candidato al congresso nazionale del Pd Gianni Cuperlo e da esponenti della fronda Pd come Corradino Mineo, accolto da un grande appaluso. È annunciato alla fine del dibattito un intervento di Civati con una sorpresa guardando a un’ipotesi di asse tra queste anime della sinistra. Lo dice chiaramente a margine lo stesso Vendola che parla di “possibile nascita di esperienze comuni a sinistra partendo dal semestre europeo, qui ci sono tanti insoddisfatti per l’andamento delle cose e per la leva del renzismo”. A inizio mattinata Nichi Vendola traccia un asse possibile con il Pd della Leopolda rossa partendo dai diritti civili. Accanto a lui Cuperlo: “La sfida è non chiudersi in un unico orto”. Cuperlo invita a uscire dalla logica della contrapposizione interna: “Renzi oggi è pienamente legittimato, qui non si tratta di cercare rivincite, ma di consolidare quel 40%. Le anime della sinistra sono da sempre bravissime a dividersi, la sfida oggi è provare a unirle”.

Lanciata l’associazione “Possibile“. Parola che è stata il filo conduttore del Politicamp di Villa Corridi. “Non ho fatto tutta questa strada per diventare un piccolo Fioroni – dice Civati dal palco – Questa associazione non è una corrente del Pd per avere assessorati, ma è nata per fare battaglia politica”. Insomma, un contenitore di “battaglie politiche comuni” per le diverse anime della sinistra, partendo da diritti civili, legalità, lavoro, ambiente.

3 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.