Ballottaggi amministrative: i risultati

Giorgio Gori e Massimo Depaoli
Giorgio Gori e Massimo Depaoli
Giorgio Gori e Massimo Depaoli

E’ una tornata che si presta a diverse letture. Inanzitutto quella numerica. Rispetto alla scorsa tornata (2009) il Pd passa da 128 a 160 amministrazioni; il centrodestra da 83 a 37; le liste civiche da 19 a 25; la Lega Nord da 3 a 1; il M5s da 0 a 3. La vittoria schiacciante del centrosinistra appare anche solo se si pensa ai risultati dei capoluoghi di provincia che sono andati al ballottaggio. 11 al Pd (20 in tutto) erano 16 nel 2009; 6 al centrodestra (7 in tutto, 12 nel 2009); 1 al M5s (niente ne al primo turno, ne nel 2009).

Diversa questione se si pensa alla qualità del voto.Con l’affluenza scesa sotto il 50% e pochi sindaci riconfernati e tutti di centrosinistra. In pratica solo Terni, anche se bisogna dire che a Modena c’è solo il nuovo sindaco, ma la giunta non cambia colore. Il centrosinistra ha conquistato Bari, Bergamo, Biella, Caltanisetta, Cremona, Pavia, Pescara, Verbania e Vercelli. Vuoldire aver fatto l’en plein in Lombardia e Piemonte. Vuoldire non aver perso a Modena dove la coalizione era data per pericolante. La vittoria più entusiasmante è a Bergamo, dove ha vinto Giorgio Gori e sopratutto a Pavia dove Massimo Depaoli ha sconfitto il forzista Alessandro Cattaneo considerato da un sondaggio di pochi mesi fa del Sole 24 ore il sindaco più amato d?italia.

Ma il Pd ha perso a Livorno (68 anni ininterrotti di governo), dove c’è stata l’unica vittoria dei 5 stelle (con Filippo Nogarin). Ha perso a Padova (dalla Lega), a Potenza (da Fratelli d’Italia) e a Perugia (da Forza Italia). Sconfitte sulle quali il Pd dovrà pur fare una riflessione. Quando Renzi si impegna fattivamente in campagna elettorale i risultati si vedono; quando non lo fa il voto si concentra sulla soddisfazione dell’amministrazione locale e dove il partito non si è aperto alle novità apportate daRenzi ne paga le conseguenze.

Per il centrodestra, invece, è sicuramente una sconfitta e non può la conquista a sorpresa di Perugia salvare la situazione. Annientato al Nord, inconcludente al centro, respira solo al Sud; proprio dove il contestatore Fitto ha il suo feudo. E’ finito l’impero berlusconiano; ma l’ex Cavaliere può ancora condizionare la scelta del suo successore. E per la Lega solo Padova per il capogruppo al Senato Massimo Bitonci.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...