Centro

[Storia] I liberali italiani a vent'anni dalla fine del Pli

Il Pli è l’unico partito della Prima Repubblica ad andare in bancarotta e a chiudere senza lasciare eredi leggittimi.

Ne ha però di illeggittimi.

Alleanza Democratica

Il 18 ottobre 1992 i tre soggetti politici avevano avviato un processo di convergenza chiamato Verso l’Alleanza Democratica. Il processo fu concluso il 15 luglio 1993 con la fondazione di Alleanza Democratica. La denominazione Alleanza Democratica non apparteneva al movimento e fu acquisita con un atto di transazione fra Willer Bordon e Silvio Simi, il quale accettava la nomina deliberata dal Comitato Nazionale di A.D. l’8 ottobre 1993 a membro di detto organo dirigente. In seguito Silvio Simi darà vita con Ferdinando Adornato alla rivista Liberal. Nel novembre 1993 aderisce l’ex-leghista Franco Castellazzi, lanciando la campagna antifisco durante una conferenza stampa e provocando qualche polemica sul suo ruolo all’interno del partito.

Contemporaneamente a destra per contrapporsi ad AD anche nel nome, nasceva Alleanza Nazionale: fu scelto per definire il partito o coalizione che avrebbe dovuto contrapporsi all’analoga Alleanza Democratica, partito o coalizione che si sarebbe formato a sinistra.

Dopo breve tempo dalla nascita del partito si verificarono le prime importanti defezioni. Il 29 settembre Mariotto Segni abbandonò AD per lanciare un proprio progetto politico di aggregazione delle forze centriste, concretizzato il 5 novembre con la creazione del Patto di Rinascita Nazionale, detto anche Patto Segni.

Unione Democratica

L’Unione Democratica fu un movimento politico riformista di centro-sinistra fondato da Antonio Maccanico il 26 febbraio 1996. Fin dalla sua fondazione, il movimento aderì alla coalizione de L’Ulivo. In realtà però Unione democratica era inizialmente una federazione di diversi movimenti, ma poco dopo la sua fondazione divenne partito unitario. Nel simbolo presentava una dicitura che sintetizzava la provenienza variegata dei suoi componenti: Liberali, Repubblicani, Socialisti. Aderì all’Unione Democratica il gruppo di Alleanza Democratica, movimento laico-socialista guidato da Giorgio Benvenuto e Willer Bordon. Aderiscono al progetto di Antonio Maccanico anche diversi personaggi politici provenienti dalle file socialiste e socialdemocratiche. Il 27 febbraio 1999 l’Unione Democratica sancisce il proprio scioglimento e conflusce da cofondatore ne I Democratici di Romano Prodi. Dei tre deputati rimasti, Maccanico e Maggi entrano nel gruppo de I Democratici, Ciani rimane invece con il PPI.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.