Centro

Scelta Civica si riorganizza

Scelta Civica si riorganizza

Alberto Bombassei, Andrea Romano, Stefania Giannini e Gianluca Susta

Consumato il divorzio interno, Scelta civica riparte approvando all’unanimità un documento per il rilancio del progetto e con la nomina di Alberto Bombassei alla presidenza e affidando a Stefania Giannini il ruolo di segretario-coordinatore. Tutti soddisfatti al termine della riunione anche se il neopresidente non si nasconde che l’incarico che gli è stato affidato «sarà pesante». Anche l’«uscente» Monti è soddisfatto: «Ho lasciato la presidenza di Scelta civica ma oggi la sento più vicina a me di quando ero presidente».
Continuare a sostenere il governo Letta. Ma dopo un rimpasto da chiedere allo stesso Premier qualora – come nelle attese – Mario Mauro confermi la rottura anticipata ieri dai cattolici popolari di Scelta civica: il ministro della Difesa non rappresenta più il movimento, che non può avere come quota Governo solo un sottosegretario (Ilaria Borletti Buitoni, alla Cultura) e un vice ministro (Carlo Calenda, allo Sviluppo economico).

I popolari di Scelta Civica presentano un documento ispirato ai valori del Ppe e apre la strada alla scissione dall’ala montiana del partito che dovrebbe essere ratificata nelle prossime ore dall’assemblea. Anche se il capogruppo della Camera Dellai lancia un ultimo appello a Monti: “Noi non siamo traditori, sarebbe lui a tradire lo spirito originiario del movimento se assecondasse la deriva di Scelta Civica”. Il senatore Olivero – ex coordinatore cel partito – nega che l’approdo dei popolari sarà in gruppi parlamentari unici con gli alfaniani che potrebbero fuoriuscire dal Pdl ma per il futuro auspica: “Un soggetto che ci unisca con tutti i riformisti del Pdl e del Pd”.

Il gruppo dei popolari potrebbe nascere ma sulla tempistica incide, e non poco, quella della parallela scissione in casa ex-Pdl, cui i popolari guardano con interesse ma senza sbilanciarsi: “Guardiamo con interesse alla scelta di Alfano ed è chiaro che se Forza Italia andrà all’opposizione noi continueremo a sostenere il Governo come faranno gli alfaniani: ma noi – ribadisce Olivero – non siamo per la ricostituzione di un centrodestra italiano”. O almeno, non ancora.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.