Altri partiti

La politica in alto mare

La politica in alto mare
Il fatto rilevante di queste settimane è lo scricchiolio all’interno del Pdl (e all’acuirsi della divisione del partito tra falchi e colombe), che a sua volta è legata alla vicenda della decadenza dasenatore di Silvio Berlusconi.

Questa vicenda e la contemporanea approvazione in consiglio dei ministri della manovra finanziaria del governo Letta stà coinvolgendo tutto il panorama politico italiano. Ad esempio la critica di Mario Monti alla stessa finanziaria e il conseguente documento firmato da 11 senatori del gruppo parlamentare (compresi Mauro e Casini) in aperto contrasto con le critiche di Monti e quindi a fiducia della finanziaria ha definitivamente fatto implodere Scelta Civica. Quest’ultimo partito, diciamolo, non è mai davvero decollato, ma ora si è diviso in due tronconi che forse sono ancora più divisi dei falchi e delle colombe pidielline.

Se non ci fosse Berlusconi è chiaro che si formerebbe seduta stante un partito unico tra i Sc filo governativi, l’Udc e le colombe Pdl; lasciando la Sc filo montiana e i falchi Pdl ai due lati al loro destino. Però Berlusconi c’è ed è chiaro che è ancora possibile che il voto segreto o un’accelerata su un’aministia lo salvi.

In altri lidi ci sono altri sommovimenti. Per esempio i fuoriusciti del Movimento 5 Stelle che hanno creato un gruppo autonomo (Gruppo di azione popolare) che come hanno specificato loro non è un altro partitino, ma solo un mezzo per poter continuare quel percorso che non sono riusciti a fare nel M5S (è sottinteso quindi che se fosse per loro tornerebbe sui loro passi). Chi è rimasto nel M5S invece è impegnato a poter muoversi in parlamento senza dover chiedere il permesso a Grillo e Casaleggio.  Un esempio è la loro iniziativa sulla proposta di legge per l’abolizione della Bossi-Fini sconfessato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio in una nota congiunta. La cosa non è piaciuta ai parlamentari, che stanno iniziando a sconfessare i loro leader.

Infine il Pd è alla prese con i congresso che si avvicina sempre di più. Da un lato c’è Matteo Renzi che ha iniziato la sua campagna elettorale (con i bersaniani che hanno fatto circolare la voce di voler fare un’indagine sulla sua vita per scoprire qualche ipotetica sua malefatta) e dall’altro c’è Enrico Letta tra mille difficoltà sta cercando di risanare l’Italia, non si sa quanto proficuamente.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.