pena di morte

Pena di morte nel mondo

Pena di morte nel mondoIl mondo prosegue verso l’abolizione della pena di morte come costatato da Amnesty International nel rapporto annuale anche se almeno 682 esecuzioni sono state segnalate l’anno scorso in 21 paesi. La Lettonia ha abolito la pena di morte soltanto l’anno scorso e il Vietnam non ha proceduto con nessuna esecuzione.

In Europa, la Bielorussia resta l’unico paese che applica ancora la pena di morte con tre esecuzioni l’anno scorso. I condannati sono uccisi con un colpo di pistola alla nuca, una fredda esecuzione. Il paese continua nell’eseguire esecuzioni nella massima riservatezza. Dopo la Cina, l’Iran si piazza al secondo posto tra i cinque paesi in cui la pena di morte non è più applicata, davanti all’Iraq, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti. Resta tuttavia difficile ottenere cifre ufficiali per Pechino e Teheran dove le esecuzioni si praticano regolarmente in segreto come arma per reprimere i ribelli. La pena capitale viene inflitta per debiti finanziari, problemi legati alla droga, per blasfemia, sodomia o adulterio, per apostasia, per atti “che non devono essere considerati come dei crimini”, sottolinea Amnesty International. In Iran, quattro persone sono state uccise “per inimicizia nei confronti di Dio e corruzione sulla terra”. In Corea del Nord, i tribunali condannano alla pena di morte delitti non giudicabili dalla legislazione nazionale. Secondo i dati in possesso dell’Ong anche la Somalia continua a esercitare la pena di morte. I risultati del 2012 hanno registrato un aumento preoccupante in Iraq e in diversi paesi, specialmente in Asia tuttavia non mettono in discussione la tendenza generale all’abolizione nel decennio della pena capitale.

Per quanto possa essere grave il reato che una persona possa aver compiuto, nessuno ha il diritto (nemmeno uno Stato) di togliere la vita, anche (e a maggior ragione) nel caso di un omicidio. Non si condanna una persona per un reato, ricambiandola dello stesso trattamento imputatole: questa si chiama legge del taglione! E poi è anche una forte contraddizione: perchè se si ritiene sbagliata una cosa, tanto da condannarla, non la si utilizza per “riparare al torto”. La strada da fare è ancora lunga, nonostante i passi che annualmente vengono compiuti …

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...