Centrosinistra

[Storia] I socialisti che nella seconda repubblica decisero di andare con i post comunisti

Il movimento nacque all’indomani dell’elezione di Ottaviano Del Turco segretario del Partito Socialista Italiano (29 maggio 1993), per proseguire da sinistra, e sotto un’altra forma, la politica di rinnovamento del socialismo italiano, che aveva tentato invano Giorgio Benvenuto nei suoi 100 giorni da segretario successivi le dimissioni di Bettino Craxi. La nascita dell’associazione venne annunciata con un appello lanciato il 21 maggio 1993 da Giorgio Benvenuto, Enzo Mattina, Valdo Spini, Enrico Manca e altri socialisti che contestualmente si dimisero dagli incarichi di partito; il movimento ebbe inoltre l’appoggio del senatore a vita Francesco De Martino e la partecipazione di Nerio Nesi.

Il 26 maggio il gruppo esplicitò la sua netta contrarietà al nuovo vertice socialista. Secondo la neonata area del garofano occorreva un azzeramento di tutti gli organi dirigenti a favore di un ristretto comitato di gestione che portasse il PSI a un’assemblea di rifondazione del partito da tenersi entro luglio. Il 19 luglio l’assemblea dei quadri di Rinascita Socialista sancì la scissione dal PSI, anche se alcuni suoi esponenti preferirono continuare a operare anche dentro il PSI.

Guidato dall’europarlamentare Enzo Mattina, Rinascita Socialista, alle amministrative di Napoli del novembre 1993, fece parte della coalizione vincente di sinistra e in opposizione al centro al quale aderì il PSI; a sorpresa conquistò anche due seggi (Antonio Crocetta e Giuseppe Sarnataro) contro l’unico del PSI.

Rinascita Socialista fu uno degli otto fondatori dell’Alleanza dei Progressisti (1º febbraio 1994), e alle elezioni politiche del 1994 si presentò col proprio simbolo del gabbiano solo nella circoscrizione proporzionale Campania 1 e, nel maggioritario della Camera, nel solo collegio di Carrara (dove però RS è appoggiato solo dalla Lista Pannella). Per la quota proporzionale alla Camera, RS diede indicazione di voto per il PSI per rendere possibile «una costituente socialista che sia la base della rinascita di una forza autenticamente socialista, democratica libertaria». La lista Rinascita Socialista a livello nazionale ottenne lo 0,03% e non elesse alcun deputato, ma due suoi esponenti furono eletti in altre liste, uno alla Camera (Enzo Mattina, come candidato della coalizione nel collegio di Sala Consilina) e uno al Senato (Francesco Barra, come candidato della coalizione nel collegio Pomigliano d’Arco).

Agli inizi del 1995 il movimento confluì nella Federazione Laburista. Il 19 luglio 1994 si tiene a Napoli il dibattito Verso la Costituente Laburista promosso dai parlamentari del PSI, alla quale segue una settimana dopo una riunione pubblica a Roma per promuovere la Costituente laburista. Il 3 agosto presso il notaio Negro di Roma viene sottoscritto l’atto costitutivo della FL da 18 parlamentari (10 deputati e 8 senatori) e da 3 esponenti provenienti dal mondo dell’artigianato, commercio e dal sindacato. Nell’atto costitutivo viene nominato Valdo Spini Presidente e Carlo Carli Responsabile e Rappresentante Amministrativo della Federazione Laburista. Nello Statuto, allegato all’atto costitutivo, all’articolo 2 vi è scritto, tra l’altro, che «la Federazione Laburista costituisce soggetto politico che ha quale scopo la promozione e lo svolgimento di attività politica finalizzata alla affermazione dei principi e delle linee ideali scaturenti dalla cultura politica dell’area socialista e riformista sul modello laburista».

Il 20 settembre il Comitato promotore della Costituente Laburista decide la convocazione della prima assemblea nazionale costituente laburista per i primi giorni di novembre. L’Assemblea costituente verrà presentata il 26 ottobre e avrà luogo a Firenze dal 4 al 6 novembre.

Alla Camera, aderirono a FL nove deputati su quattordici del PSI (Valdo Spini, Carlo Carli, Vittorio Emiliani, Mario Gatto, Luigi Giacco, Rosario Olivo, Donato Pace, Giuseppe Pericu, Luigi Porcari), cui si aggiungero altri due deputati di area socialista (Magda Cornacchione Milella, del PSDI, e Vincenzo Mattina, di Rinascita Socialista). Al Senato, il movimento vide l’adesione di sette senatori su dieci del PSI (Michele Sellitti, Orietta Baldelli, Francesco Barra, Gianni Fardin, Carlo Gubbini, Maria Antonietta Modolo e Antonio Vozzi). Il 9 dicembre si tiene il I Consiglio costituente della Federazione Laburista.

Il 15 febbraio 1995 viene presentato il simbolo del nuovo partito. Dal 30 giugno al 2 luglio 1995 si tiene al PalaFiera di Roma il primo Congresso laburista dal titolo Un nuovo inizio.

Il 13 febbraio 1998, agli Stati Generali della Sinistra convocati a Firenze, la Federazione Laburista diede vita (assieme a PDS, Sinistra Repubblicana, Movimento dei Comunisti Unitari, Cristiano Sociali, alle associazioni Riformatori per l’Europa ed Agire Solidale) al partito dei Democratici di Sinistra (DS), divenendone una corrente politica con il nome di Laburisti. L’elemento caratterizzante della formazione dei DS fu la sostituzione del simbolo del Partito del Socialismo europeo a quello del vecchio Pci alla base della quercia introdotto al momento della costituzione del Pds. La Federazione Laburista espresse con il deputato Rosario Olivo il sottosegretario al Lavoro nel governo D’Alema II e con il deputato Carlo Carli il sottosegretario ai Beni Culturali nel governo Amato II. Nel 2000 su iniziativa dei Laburisti e Socialisti è costituita in base allo statuto dei DS, l’Associazione di Tendenza Politica e Culturale denominata “PER IL SOCIALISMO LIBERALE E RIFORMISTA”. L’Associazione che assumerà il nome di ” SOCIALISTI LIBERALI” avrà come presidente il deputato Carlo Carli. Come tale darà vita ad un “Documento integrativo” per il congresso dei Ds del 2005, da cui scaturirà un ordine del giorno, approvato all’unanimità, per l’inserimento del nome “Partito del Socialismo Europeo” per esteso nel simbolo dei Ds.

La corrente ha poi preso il nome di Laburisti-Socialisti Liberali, in seguito alle elezioni politiche del 2001.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.