Governo

Napolitano scioglie le Camere

Napolitano scioglie le camere

Mario Monti

Il presidente del Consiglio Mario Monti ha rassegnato le dimissioni nelle mani del capo dello Stato. La fine del governo da lui presieduto arriva, come annunciato, al termine dell’approvazione definitiva del ddl stabilità. Questo il comunicato del Colle: «Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto al Palazzo del Quirinale il Presidente del Consiglio dei Ministri, senatore Mario Monti, il quale, essendosi concluso l’iter parlamentare di esame e di approvazione della legge di stabilità e del bilancio di previsione dello Stato, ha rassegnato le dimissioni del governo da lui presieduto, già preannunciate come irrevocabili secondo quanto risulta dal comunicato diramato dal Quirinale l’8 dicembre scorso. Il Presidente della Repubblica ha preso atto delle dimissioni e ha invitato il governo a rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti. Il Capo dello Stato consulterà i presidenti dei gruppi parlamentari nella giornata di domenica».

A questo punto resta solo l’incognita su quale strada prenderà Monti dopo l’addio alla presidenza del Consiglio. Se scenderà in prima persona nell’agone politico, se si limiterà a dare la sua benedizione ad alcune liste a lui ispirate o se si tirerà fuori definitivamente dalla contesa.

Il primo leader politico a commentare le dimissioni di Monti è stato il presidente del Pdl Silvio Berlusconi. «Ho sentito che Monti è andato al Quirinale, finisce l’era del Governo tecnico e speriamo che non ci si debba più ritrovare in situazioni di sospensioni della democrazia» ha detto Berlusconi arrivando all’hotel Parco dei Principi di Roma per partecipare a una cena con la squadra del Milan.

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha firmato oggi il decreto di scioglimento delle camere, dopo aver concluso le consultazioni con le delegazioni dei gruppi parlamentari e con i presidenti di Camera e Senato. Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto che stabilisce la data delle prossime elezioni: si voterà il 24 e il 25 febbraio 2013. Mario Monti è andato poi al Quirinale per la controfirma del presidente della Repubblica dei decreti per la convocazione dei comizi elettorali e domani, alle 11, ci sarà la conferenza stampa in cui ci si attendono annunci su un suo eventuale futuro politico.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.