Economia

La Bolivia nazionalizza la rete elettrica

La Bolivia nazionalizza la rete elettrica

Il presidente boliviano Evo Morales ha annunciato il primo maggio la nazionalizzazione della società spagnola che gestiva gran parte della rete elettrica del paese, Red Eléctrica, ordinando all’esercito di prendere il controllo delle sue strutture in Bolivia.

Red Eléctrica possedeva circa l’85 per cento delle linee elettriche boliviane. È una società privata, di cui il governo spagnolo possiede circa il 20 per cento, e i suoi interessi in Bolivia contano solo per l’1,5 per cento dei suoi ricavi annui complessivi, pari a circa 1,63 miliardi di euro nel 2011. La società ha già annunciato che cercherà di ottenere una compensazione da parte del governo boliviano.

Il presidente Morales ha annunciato la decisione della nazionalizzazione nella sede centrale della società in Bolivia, nella città di Cochabamba, durante una cerimonia trasmessa dalla televisione per celebrare la festa del primo maggio in cui ha anche accusato la società di non investire abbastanza nel paese. Morales è presidente dal 2006 e da allora quasi tutti gli anni il primo maggio ha annunciato nazionalizzazioni di società operanti in Bolivia (soprattutto nel settore energetico).

Nel 2006, pochi mesi dopo essere entrato in carica, impose regolamenti molto stretti alle società straniere che sfruttavano il gas naturale boliviano, dirottandone gran parte della produzione sulla società statale Yacimientos Petrolíferos Fiscales Bolivianos. Nel 2010, Morales ha ordinato la nazionalizzazione forzata delle centrali elettriche operate dalla società britannica Ruralec.

La decisione di Morales sembra essere stata influenzata anche dalla recente decisione di Cristina Kirchner, presidente dell’Argentina, di nazionalizzare YPF, la più grande compagnia di gas e petrolio del paese, che era di proprietà della società spagnola Repsol.

Le società straniere che subiscono le nazionalizzazioni fanno solitamente causa agli stati sudamericani presso i tribunali internazionali, ma i tempi con cui vengono concluse le cause sono in genere molto lunghi e alle società non viene quasi mai corrisposta una compensazione paragonabile al valore di mercato delle strutture sequestrate.

Un esempio viene dal caso di ExxonMobil, le cui strutture in Venezuela sono state nazionalizzate dal presidente Chávez: in cambio, dopo una causa presso i tribunali internazionali, la società ha ricevuto, pochi mesi fa, solo 900 milioni di dollari, un decimo del loro valore reale.

A partire dall’elezione di Hugo Chávez in Venezuela, nel 1998, in diversi paesi sudamericani sono stati eletti governi populisti di sinistra che hanno ordinato diverse nazionalizzazioni: si tratta di misure che riguardano spesso le società del settore energetico e che, nel breve periodo, garantiscono un forte ritorno di popolarità. Nel caso dell’Argentina, la quasi totalità della popolazione è favorevole alla nazionalizzazione di YPF, concepita come un rimedio all’ondata di privatizzazioni degli anni Novanta (spesso a condizioni molto favorevoli per le società straniere) e come un modo di far tornare agli argentini le ricchezze naturali del paese.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.