senza categoria

Semplificazioni, fiducia alla Camera

Semplificazioni, fiducia alla Camera

Semplificazioni, fiducia alla Camera

La Camera accorda al governo (con 479 sì, 75 no e 7 astenuti) la fiducia sull’approvazione del decreto semplificazioni.

Via libera dell’aula della camera alla Fiducia posta dal governo sul decreto semplificazioni. I voti a favore sono stati 479 (due in più rispetto all’ultimo voto fiducia del 23 febbraio sul dl milleproroghe anche se comunque sotto quota 500), i contrari 75, le astensioni 7. Adesso si proseguirà con l’esame degli ordini del giorno, mentre il via libera definitivo arriverà martedì.  Il decreto passerà all’esame del Senato, in seconda lettura.

Sono 23 i deputati del Pdl che non hanno partecipato al voto dell’aula della Camera sulla fiducia posta dal Governo al decreto semplificazioni. Tra gli assenti l’ex premier, Silvio Berlusconi, e gli ex ministri Paolo Romani e Giulio Tremonti. Altri cinque deputati del partito di via dell’Umiltà (Castiello, Cossiga, Crosetto, Mannucci e Moles) si sono astenuti, mentre Alessandra Mussolini ha votato no. I deputati Pdl Boniver, Cirielli, Farina, Jannone, Leo e Vitali, risultano invece in missione.

Ecco i punti salienti del provvedimento.
Lavoro.  La semplificazione dei controlli sulle imprese non si applicherà in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Sanità. Uso della cartella clinica elettronica, la regolamentazione dell’ utilizzo della telemedicina, l’utilizzo di sistemi di prenotazione elettronica. Il testo prevede che nei piani di sanità nazionali “si privilegi la gestione elettronica delle pratiche cliniche, attraverso l’utilizzo della cartella clinica elettronica”, così come “i sistemi di prenotazione elettronica” delle visite.

Scuola.  La norma afferma che è superato il blocco dell’organico dei professori al 2011 previsto dalla manovra dello scorso luglio di Tremonti e riafferma una flessibilità dell’organico in base all’aumento del numero degli studenti. Ma viene esplicitamente ribadito che tutto deve avvenire fermo restando il taglio ai fondi della scuola imposti dalla manovra Tremonti del 2008. Salta la tassa sulla birra, gli alcolici intermedi e l’alcool etilico prevista come copertura all’assunzione di nuovo personale nella scuola.  Delusione in casa Pd, esulta l’ex ministro Gelmini.

PA solo via internet. Dal 2014 le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni dovranno avvenire “esclusivamente” attraverso i “canali telematici e la posta elettronica certificata”.

Tagli. Entro 90 giorni è adottato un programma triennale (2012-15) per la riduzione degli oneri amministrativi che gravano sulle pubbliche amministrazioni nelle materie di competenza statale.

Tlc. Via libera all’accesso all’ingrosso alla rete fissa di  telecomunicazioni. “Al fine di garantire la massima concorrenzialità nel mercato delle telecomunicazioni i servizi di accesso all’ingrosso di rete fissa devono essere offerti agli operatori concorrenti in maniera disaggregata in modo che gli stessi operatori non debbano pagare per servizi non richiesti e si possa creare un regime concorrenziale anche per i servizi accessori”.

Stipendi dei manager. La proposta di legge che estende il tetto agli stipendi dei manager anche ai presidenti delle Authority è arrivata. Porta la firma di esponenti dei partiti della maggioranza che sostiene il governo Monti e, a quanto si apprende,  è stata depositata già ieri all’assemblea della Camera, dopo che, per difformità di materia, non si è inserito un emendamento al dl semplificazioni.

Banche. E’ saltato dal decreto legge semplificazioni l’emendamento per modificare la norma del Dl liberalizzazioni che vieta le clausole sulle commissioni bancarie 2 per tutte le linee di credito. Ma che la norma più detestate dalla banche verrà comunque eliminata.

Le posizioni dei partiti.  L’italia dei valori e la Lega hanno votato ‘no’ alla fiducia con la differenza che i dipietristi, martedì prossimo, diranno sì al testo quando ci sarà il voto finale. Dal Pd e dall’Udc un sì “con grande soddisfazione”. Voto favorevole di Futuro e Libertà che però avverte che “molto resta da fare’.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...