Governo

Governo Monti: si dimette il primo esponente

Governo Monti: si dimette il primo esponente

Carlo Malinconico

Si è dimesso il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Carlo Malinconico. La decisione è arrivata al termine di un incontro a Palazzo Chigi con il premier Mario Monti convocato dopo le polemiche per le spese all’hotel Pellicano di Porto Ercole nell’Argentario pagate a Malinconico da Francesco De Vito Piscicelli. Si tratta del costruttore indagato nell’ambito dell’inchiesta sulla ‘cricca’ per gli appalti del G8 e finito nella bufera dopo un’intercettazione nella quale confessava di aver reagito con una risata alla notizia del terremoto in Abruzzo. Il sottosegretario, secondo un rapporto dei Ros del 2009, avrebbe usufruito di vacanze per quasi 20 mila euro. Secondo le intercettazioni riportate nelle carte, a quei soggiorni fanno riferimento colloqui tra Malinconico e Angelo Balducci, poi finito al centro dell’inchiesta sui grandi appalti.

L’incontro – fanno notare fonti vicine al sottosegretario – sarebbe stato chiesto la scorsa settimana dallo stesso Malinconico, che avrebbe portato con sé la nota diffusa ieri dall’Ansa con la sua ricostruzione dell’accaduto. Nella nota l’ex presidente della Federazione editori spiegava di non aver “mai fatto favori ai personaggi coinvolti” e di aver appreso “solo ora che Piscicelli avrebbe pagato di propria iniziativa e per ragioni a me del tutto ignote alcuni dei miei soggiorni presso la struttura alberghiera”.

L’autodifesa. ‘E’ stata una decisione sofferta ma convinta che ho assunto nell’esclusivo interesse del Paese, pur nella consapevolezza della mia correttezza e buona fede”, ha detto l’ormai ex sottosegretario. “Sono state dimissioni spontanee per rasserenare il clima. Contro di me c’è stato un crescente attacco mediatico”. Il premier, nell’accettare le dimissioni, avrebbe manifestato a Malinconico il suo apprezzamento per il senso di responsabilità dimostrato nell’anteporre l’interesse pubblico ad ogni altra considerazione.

Le reazioni. “Credo che Malinconico si dimetterà”, aveva pronosticato Antonio Di Pietro. “Lui – ha spiegato il leader dell’Idv – conosce bene la comunicazione e sa che la frittata è fatta ed è meglio farsi da parte. Se fossi il suo consigliere gli direi di andare al mare”.

A invocare chiarezza sul ruolo avuto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio nella vicenda era stato anche il Pd per bocca del parlamentare Francesco Boccia. “Penso che per Malinconico – ha sottolineato – valga quello che deve valere per chiunque ricopre incarichi pubblici. Malinconico è una persona seria e sono convinto che in giornata chiarirà a Monti la vicenda. Certamente Malinconico non conosceva l’imprenditore, ma il rapporto con Balducci deve essere chiarito. Non è opportuno giustiziare la gente in piazza ma deve esssere fatta chiarezza. E’ una questione delicata che incide sull’onorabilità delle persone coinvolte ed eviterei processi mediatici”.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...