Economia

Il Colle: “Berlusconi dica se può andare avanti”

Il Colle: "Berlusconi dica se può andare avanti"

Gianfranco Fini e Giorgio Napolitano

La Giunta per il regolamento della Camera dei deputati, convocata per decidere in tal senso, delibera l’impossibilità di procedere nell’esame parlamentare del disegno di legge contenente il Rendiconto generale del bilancio dello Stato, in quanto l’articolo 1 (quello respinto) è quello che delibera l’approvazione dell’intero rendiconto. Il disegno di legge è quindi da considerarsi respinto. I capigruppo della maggioranza scrivono una lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, definendo il respingimento dell’articolo 1 “un mero incidente parlamentare” e negando le dimissioni del governo. I capigruppo lamentano inoltre la faziosità del Presidente della Camera Gianfranco Fini e uno squilibrio tra maggioranza e opposizione nella Giunta per il regolamento. Il capo dello Stato risponde invitando a non esagerare con i voti di fiducia, ma di presentare, in seguito ad un confronto politico, un nuovo disegno di legge contenente il rendiconto.

Come era prevedibile, è stata una mattinata frenetica quella vissuta all’indomani della clamorosa bocciatura del governo sull’assestamento di bilancio. Quali saranno con esattezza le conseguenze finali del voto emerso a sorpresa ieri a Montecitorio non è ancora chiaro, ma qualsiasi soluzione non potrà non fare i conti con i paletti posti oggi dal Quirinale. Nel pomeriggio il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha ricevuto infatti il presidente della Camera Gianfranco Fini e – recita una nota del Colle – lo ha ringraziato “per averlo messo al corrente delle ragioni che ad avviso dei presidenti dei gruppi parlamentari di opposizione rendono politicamente complesso il superamento della situazione determinatasi a seguito del voto contrario all’art. 1 del rendiconto generale dell’Amministrazione dello Stato”.

Il capo dello Stato ha espresso quindi la convinzione che “tocchi al presidente del Consiglio indicare alla Camera nell’annunciato intervento di domani la soluzione che possa correttamente condurre alla dovuta approvazione da parte del Parlamento del rendiconto e dell’assestamento. Sulla sostenibilità di tale soluzione sono competenti a pronunciarsi le Camere e i loro Presidenti”.

Una precisazione che fa riferimento ai due punti chiave emersi nella mattinata. Il primo è l’intenzione di Silvio Berlusconi, formalizzata ufficialmente dopo le anticipazioni di ieri sera, di volersi presentare domani mattina alle 11 a Montecitorio per rendere delle comunicazioni programmatiche sulle quali chiedere un voto di fiducia il giorno successivo. Un passaggio che dovrebbe rinsaldare almeno momentaneamente la tenuta del governo, ma che servirebbe anche a superare l’impasse tecnica apertasi con lo stop imposto ieri dalla Camera al bilancio. Soluzione bocciata però come impraticabile – ed è questo l’altro passaggio fondamentale di questa mattina – dalla Giunta per il regolamento di Montecitorio dove le opposizioni sono in maggioranza. Sono stati infatti proprio i rappresentanti di Pd, Terzo Polo e Idv a chiedere a Fini di salire al Colle per riferire la loro posizione. Istanza che il presidente della Camera ha come detto accolto immediatamente, scatenando le ire di Pdl e Lega. Secondo il centrodestra, che avrebbe preteso già per oggi il passaggio riparatore di Berlusconi alla Camera, Fini non sarebbe più super partes. Posizione evidentemente smentita dallo stesso Napolitano che ha invece ringraziato il presidente della Camera per la sua sollecitudine.

Il premier, comunque, vuole tirare dritto. Lo conferma l’intenzione, ribadita in serata di esaminare domattina in Consiglio dei ministri il nuovo ddl sul rendiconto generale dello Stato insieme ala legge di bilancio. Nella stessa riunione il governo sarà autorizzato a porre la fiducia sulle dichiarazioni che Silvio Berlusconi farà alla Camera. Dichiarazioni che l’opposizione non ascolterà: quando il presidente del Consiglio prenderà la parola,tutti i deputati di Pd, Idv e Terzo Polo, abbandoneranno l’Aula in un simbolico Aventino.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.