Europa

Polonia, Tusk ha la maggioranza

Polonia, Tusk ha la maggioranza

Polonia, Tusk ha la maggioranza

La Polonia non è ancora morta, come recita la prima strofa dell’inno nazionale. Il premier liberal Donald Tusk, al potere da quattro anni e protagonista di un forte boom economico agganciato a quello tedesco, esce vincente dalle elezioni politiche tenutesi oggi nel più importante paese della ‘nuova Europa’. La destra euroscettica, omofoba e clericale di Jaroslaw Kaczynski è invece sconfitta. Lo avevano detto le prime proiezioni diffuse dalla tv, lo confermano i dati ufficiali dello scrutinio. L’ondata della nuova destra nazionalpopulista che agita l’Est e l’intero vecchio continente si ferma dunque a Varsavia.

Dopo lo spoglio nel 15% dei seggi, PO, la Piattaforma civica, cioè il partito del premier Tusk al potere dall’autunno 2007, otterrebbe il 37,5 per cento dei voti. Pis, Legge e Giustizia, la formazione di Kaczynski, sono il 29,9. Terzo partito, con il 10,2%, è la forza nuova a sorpresa Rp, fondata dal transfuga di PO Janusz Palikot, anticlericale fautore di uno Stato laico e di libertà per gay e droghe leggere in sfida alla Chiesa. Seguono il partito contadino Psl finora alleato di Tusk con il 9,5 per cento e la sinistra democratica (ex comunisti) con il 8,6 per cento. Con questi risultati, la coalizione di governo composta da PO e Psl dovrebbe avere 233 seggi in Parlamento, con una strettissima maggioranza di tre seggi.

Polonia, Tusk ha la maggioranza

Polonia, Tusk ha la maggioranza

E’ un risultato che fa tirare un sospiro di sollievo all’Europa intera a poche ore dalla riapertura dei mercati, in contemporanea coi segnali rassicuranti del vertice francotedesco a Berlino: la locomotiva dell’Est, la “seconda Germania”, proseguirà nel suo corso europeista, liberal, tollerante e riformatore. Una linea di confronto con Berlino e Mosca come Kaczynski aveva minacciato e misure populiste che avrebbero appesantito i conti pubblici minacciando un declassamento del rating polacco sono allontanate. Tusk deve ora scegliere un partner di governo: i contadini, Palikot o la sinistra. Sollievo a Berlino, Bruxelles e nelle altre capitali-chiave d’Europa.

Kaczynski, scuro in volto per la sconfitta, si è lasciato scappare davanti ai microfoni tv una pesante frase: “Sono certo che un giorno vinceremo e porteremo Budapest a Varsavia”. Un riferimento alla destra nazionalista-autoritaria del premier magiaro Viktor Orban che in Ungheria sta distruggendo democrazia ed economia di mercato con la svolta autoritaria e le leggi bavaglio. La vera sorpresa delle elezioni nella cattolicissima Polonia è però il trionfo, al suo esordio sulla scena politica, della formazione anticlericale Palikot, terzo partito con oltre il 10% su un programma che punta alla legalizzazione dell’aborto, delle droghe leggere e dei matrimoni gay. Il fondatore, il magnate Janusz Palikot, è entusiasta del risultato: “Abbiamo dimostrato che tutto è possibile in Polonia dove milioni di persone che vogliono uno stato laico in cui la fede è una questione privata sono uscite allo scoperto”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...