Economia

Camera approva la Legge di Stabilità 2011.

Camera approva la Legge di Stabilità 2011.

Proteste dei dipendenti della scuola davanti a Montecitorio

La Camera approva (con 303 sì, 250 no e 2 astenuti) la Legge di Stabilità 2011. Viene inoltre approvata (con 282 sì, 225 no e 2 astenuti) la Legge di Bilancio.

L’Aula della Camera ha approvato la legge di stabilità. Il testo, passato con 303 sì, 250 no e 2 astenuti: a favore della manovra hanno votato il Pdl, la Lega e Fli. Si sono astenuti i deputati delle Minoranze linguistiche. Successivamente il consiglio dei Ministri ha approvato la Nota di Variazione al bilancio; e l’Aula della Camera ha approvato il Bilancio dello Stato per il 2011. Il documento, licenziato a Montecitorio con 282 voti a favore, 225 contrari e due astenuti, ora passa al Senato.

A Palazzo Madama la legge di stabilità, che introduce misure per il valore di 5,7 miliardi, dovrebbe essere definitivamente approvata entro la prima decade di dicembre.

Il ddl di stabilità esce dalla Camera modificato rispetto alla prima stesura presentata dal ministro dell’Economia Tremonti. Si è arricchito in particolare di una serie di misure di sviluppo: dal rifinanziamento degli ammortizzatori sociali alla proroga del bonus del 55% sulle ristrutturazioni eco-compatibili.

Vi rientrano inoltre una serie di rifinanziamenti settoriali per 800 milioni: dall’autotrasporto (400 milioni), all’editoria (130 milioni) alle emittenti locali (75 milioni), ai malati di Sla (100 milioni).

E’ lo stesso Tremonti del resto ad aver presentato un maxiemendamento in commissione con la maggior parte delle novità. Tra queste gli 1,5 miliardi per gli ammortizzatori sociali e le politiche del lavoro; la proroga con 835 milioni della detassazione dei contratti di produttività (con aliquota del 10% e innalzamento del tetto a 40mila euro); un miliardo per l’università, di cui 800 milioni al fondo ordinario, 100 milioni per il cosiddetto ‘voucher’, cioè il credito d’imposta a favore delle imprese che fanno ricerca con atenei o enti pubblici di ricerca, 100 milioni per prestiti d’onore e borse di studio, 25 milioni per il sostegno agli atenei non statali.

Il governo ha inoltre deciso la proroga per cinque mesi dell’esenzione dei ticket su diagnostica e specialistica. Rinviata, e poi introdotto durante l’esame in Aula con un emendamento del relatore, Marco Milanese, la proroga di un anno dell’agevolazione del 55% per le ristrutturazioni eco-compatibili; il recupero è stato però spalmato su 10 anni invece di cinque. Le coperture vengono per la maggior parte, 2,4 miliardi, dall’asta sulle frequenze. Altri 500 milioni sono attesi dalla stretta all’evasione sui giochi e 500 milioni dal rafforzamento di alcune tipologie di contrasto all’evasione (come gli accertamenti parziali) e dall’incremento dei pagamenti per le chiusure di contenzioso con il fisco.

Polemiche per i tagli. In particolare protestano le associazioni del Terzo Settore, e gli enti culturali e di ricerca, per il taglio del 75% apportato ai fondi per il 5 per mille. Quest’anno sono solo 100 milioni di euro, contro i 400 milioni dell’anno precedenti, corrispondenti alle scelte dei contribuenti.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...