Europa

Kosovo “indipendente”: c’è il rischio di ripetere gli errori del 1991

Kosovo "indipendente": c’è il rischio di ripetere gli errori del 1991

Kosovo “indipendente”: c’è il rischio di ripetere gli errori del 1991

Joe Biden e Hillary Clinton, rispettivamente vicepresidente e segretario di Stato Usa, sono stati molto espliciti nel commentare il parere con cui la Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja ha di fatto sancito la non illegittimità della dichiarazione d’indipendenza kosovara del 2008: “Ora il mondo riconosca l’indipendenza di Pristina”. Il ministro degli Esteri europeo Ashton ha fatto da coro: “Il futuro della Serbia e del Kosovo è quello di due stati sovrani all’interno dei confini dell’Unione Europea”.

La superficialità con cui l’Occidente si sta approcciando alla questione è alquanto pericolosa. Sembra che la tragedia delle guerre balcaniche 1991-1995 non abbia lasciato segno nella memoria, eppure sono trascorsi appena 15 anni dalla fine di quel bagno di sangue scatenato dalla follia nazionalista serba e croata e dai clamorosi errori di valutazione che le cancellerie europee ed americana commisero di fronte alle istanze separatiste slovena, bosniaca e soprattutto croata.

Quando Zagabria nel 1991 dichiarò la propria indipendenza, l’Europa e gli Usa commisero l’imperdonabile errore di sostenere questa politica secessionista, pur di indebolire l’allora Jugoslavia, che poteva ancora essere ritenuto un paese “amico” dell’Unione Sovietica anche se non faceva parte del Patto di Varsavia. Solo alcuni, tra cui l’allora ministro degli Esteri italiano Gianni De Michelis, misero in guardia – senza successo – la comunità internazionale dal prendere decisioni affrettate sul riconoscimento della Croazia: il motivo era che oltre sessant’anni di vita comune sotto il tetto unico della Federazione Jugoslava avevano fatto sì che l’etnia serba, quella croata e quella bosniaca formassero numerose “enclavi” in territori con diversa maggioranza etnica. Se durante gli anni di Tito ciò non aveva mai rapprensentato un problema, con la morte del Maresciallo e l’ascesa di figure fortemente nazionaliste come Slobodan Milosevic in Serbia e Franjo Tudjman in Croazia la frammentazione etnica era diventata una bomba a tempo.

Ecco perchè, prima di avallare l’indipendentismo di Zagabria, la diplomazia europea ed americana avrebbe dovuto discuterne le conseguenze in sede Onu o in un’apposita conferenza internazionale, per far sì che le istanze secessioniste fossero accompagnate dalla garanzia di rispetto dei diritti delle varie minoranze etniche. Sappiamo invece poi tutti come è andata a finire, ed in che modo Serbia e Croazia hanno “tutelato” le proprie enclavi: e tutto questo accaddes perchè nei confronti della Jugoslavia fu adottato un approccio da Guerra Fredda, quando ormai la Guerra Fredda era finita.

Oggi con il Kosovo quel problema si ripresenta: l’Occidente e soprattutto gli Usa (che dispongono a Ferisaj di una delle più grandi basi militari in Europa) sostengono l’indipendenza di Pristina, ma a oltre dieci anni dalla fine dell’occupazione jugoslava della provincia, il governo kosovaro non ha ancora chiarito la sua posizione sul rispetto dei diritti della minoranza serba che vive lì da secoli e che considera il Kosovo come simbolo della propria “identità nazionale”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...