Anni duemila, un decennio di morti eccellenti

Anni duemila, un decennio di morti eccellenti
Anni duemila, un decennio di morti eccellenti
Giovanni Paolo II, Slobodan Milosevic, Michael Jackson, Mike Bongiorno, Enzo Biagi e Dino Risi

Tantissimi i personaggi morti in questo decennio. Vorrei ripercorrere, però, solo alcuni di quelli di cui ho parlato nel corso di questi anni. Quelli presenti nelle foto illustrazioni; in modo da comporre un gruppetto dei sei personaggi deceduti più indimenticabili del decennio appena trascorso.

Nel mondo del cinema molte perdite in questo decennio; sia tra gli attori, che tra i registi. Dino Risi è stato considerato uno dei massimi esponenti della commedia all’italiana insieme a Mario Monicelli e Luigi Comencini. (2008). Alberto Lattuada è stato un regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico italiano. Intellettuale dalla personalità eclettica, appassionato di letteratura, arte e fotografia, era noto soprattutto per aver trasposto sullo schermo molti celebri romanzi e alcuni colossal anche per il piccolo schermo. Nella sua lunga carriera ha scoperto e lanciato molte attrici come Marina Berti, Carla Del Poggio (divenuta poi sua moglie), Valeria Moriconi, Jacqueline Sassard, Catherine Spaak, Dalila Di Lazzaro, Teresa Ann Savoy, Nastassja Kinski, Clio Goldsmith, Barbara De Rossi e Sophie Duez. (2005). Arthur Miller divenne celebre non solo come drammaturgo ma per il periodo della sua vita privata trascorso sotto i riflettori della vita pubblica durante i cinque anni del suo matrimonio con Marilyn Monroe, dal 1956 al 1961. Per la giovane e bella moglie, Miller scrisse la sceneggiatura di The Misfits (Gli spostati), l’ultimo film completo, diretto da John Huston nel 1961, che la Monroe interpretò, prima di essere trovata morta nella sua abitazione di Los Angeles il 5 agosto del 1962, all’età di 36 anni. Terminate le riprese del film, che lei giudicò troppo ricalcato sulla sua vita, chiese il divorzio. Dopo la morte della Monroe, Miller scrisse una biografia della diva, dal titolo Io la conoscevo. (2005). Alida Valli  è stata un’attrice italiana di lungo corso. Nel 1936 adotta il nome d’arte “Valli” scegliendolo, pare, dopo aver consultato a casaccio un elenco telefonico. (2006). Michelangelo Antonioni è stato considerato uno dei maggiori registi della storia del cinema. Autore di riferimento del cinema moderno, fin dall’esordio nel 1950 con Cronaca di un amore, pellicola che «segna la fine del neorealismo e la nascita di una nuova stagione del cinema italiano», Antonioni ha firmato alcune delle pagine più intense e profonde del cinema degli anni sessanta e settanta. (2007). Luigi Comencini ha diretto nella sua carriera i maggiori attori italiani, fra cui Vittorio De Sica e Gina Lollobrigida in Pane, amore e fantasia, film con il quale ha lanciato la commedia all’italiana, di cui è stato uno dei massimi esponenti insieme a Mario Monicelli e Dino Risi. (2007). Charton Heston è sicuramente l’attore più famoso, anche se da tempo era uscito dalle scene. Heston è stato un attore e regista statunitense, noto interprete di colossal d’argomento biblico-storico e premio Oscar al miglior attore nel 1960 per Ben Hur. (2008). Patrick Swayze, noto sopratutto per “Ghost” con Demi Moore e Whoopy Goldberg e “A Wong Foo, grazie di tutto! Julie Newmar”, colonna portante del cinema quuer. (2009).

Bel gruppetto anche tra i politici e i regnanti vari. Giovanni Paolo II è stato un Papa che molto importante per la storia della religione cattolica perchè non solo è il primo dell’est in periodo storico in cui c’era ancora la guerra fredda; ma anche uno di quelli che ha avuto in regno temporalmente più lungo di tutta la storia della Chiesa. Il suo era un pensiero progressista per il tempo in cui è vissuto. (2005). Slobodan Milosevic è stato presidente della Serbia e della Repubblica Federale di Jugoslavia come leader del Partito Socialista di Serbia e fu i protagonisti politici delle Guerre nella ex-Jugoslavia. Fu accusato di crimini contro l’umanità per le operazioni di pulizia etnica dell’esercito jugoslavo contro i musulmani in Croazia, Bosnia ed Erzegovina e Kosovo ma il processo a suo carico presso il Tpi si estinse nel 2006 per sopraggiunta morte prima che venisse emessa la sentenza. (2006). Ranieri III di Monaco è stato il regnante nella piccola Repubblica (del tutto dipendente dalla Francia) per ben 56 anni). Morto a soli quattro giorni di distanza da Papa Wojtyla. (2005). Saddam Hussein è stato un politico iracheno, leader assoluto dell’Iraq in un regime considerato dittatoriale dal 1979 al 2003, quando fu destituito durante la seconda guerra del Golfo in seguito all’invasione anglo-americana. Giustiziato in esecuzione di una sentenza di condanna a morte pronunziata da un tribunale speciale iracheno e confermata in appello per crimini contro l’umanità. La sua esecuzione ha destato scalpore e polemiche in tutto il mondo. (2006). Benazir Bhutto è stata una politica pachistana, che ha profondamente lottato per la democrazia nel suo paese essendone stata anche primo ministro. E’ stata assassinata in un attentato contro di lei in cui morirono almeno 20 persone e altre 30 rimasero ferite. Gli attentatori, dopo aver sparato diversi colpi d’arma da fuoco contro la Bhutto, fecero esplodere una carica, forse da un attentatore suicida, vicino all’ingresso principale del luogo dove si erano radunate migliaia di persone per assistere al comizio. Trasportata immediatamente in ospedale, la leader pakistana dell’opposizione morì poco dopo a causa della gravità delle ferite riportate, in parte dovute anche al violento spostamento d’aria causato dall’esplosione. (2007). Boris Eltsin è stato un politico mediocre e ha rovinato quello che ha fatto in pubblico con una vita privata fatta di alcolismo. Ma è passato alla storia per essere il leader della Federazione russa all’interno dell’Urss che ha sventato il golpe contro Gorbaciov (apparso debole e da li in poi screditato) e per essere diventato quindi il pirmo Presidente della Federazione Russa indipendente dopo il crollo dell’Urss. (2007). Susanna Agnelli pur facendo parte di una famiglia dell’imprenditoria italiana, è sicuramente nota per aver prima militato nei repubblicani e poi per essere diventata come tecnica ministro degli esteri. (2009).

Il mondo della tv piange Enzo Biagi. Un grosso nome del giornalismo televisivo. Se fossero diverse le circostante della sua morte, ci sarebbe da ricordare solo quanto è stato grande per il suo campo. Ma nel 2002 Silvio Berlusconi lo inclusse nel famoso “editto bulgaro” e questo provocò fino a quasi la sua morte una brusca interruzione del suo lavoro. Anzi, si può dire che è stata la mancanza di lavoro a provocarne la malattia e la morte. Pochi mesi prima della morte, in realtà, grande al cambio di colore politico al governo, era tornanto in tv iniziando a collaborare con Fabio Fazio nel suo programma “Chetempochefa” facendosi intervistare due volte e poi sempre a RaiTre tornò in televisione con RT Rotocalco Televisivo (nell’aprile del 2007).  La trasmissione andò in onda per sette puntate, oltre allo speciale iniziale, fino all’11 giugno 2007. Sarebbe dovuta riprendere nell’autunno successivo. Ciò non avvenne a causa dell’improvviso aggravarsi delle condizioni di salute di Biagi. (2007). Oriana Fallaci è stata una giornalista e scrittrice italiana. Partecipò giovanissima alla Resistenza italiana e fu la prima donna italiana ad andare al fronte in qualità di inviata speciale. Durante gli ultimi anni di vita fecero discutere le sue dure prese di posizione contro l’Islam, in seguito agli attentati dell’11 settembre 2001 a New York, città dove viveva. Come scrittrice, con i suoi dodici libri ha venduto venti milioni di copie in tutto il mondo. Numerose le sue prese di posizione. Hanno sempre diviso. (2006). Vittorio Foa ha un passato con il Partito Socialista Italiano, ma è sopratutto uno scrittore e giornalista italiano. Attivo anche in Dp; ha avuto nella sua vita numerose cotte per la politica e parecchi periodo in cui non se ne interessava. (2008). Sandro Curzi fu un giornalista televisivo, ma allo stesso tempo con una forte valenza politica. Fu uno storico direttore del tg3, il suo periodo alla testata viene ricordato come TeleKabul. Poi per alcuni anni anche esponente del cda della Rai. (2008). Ci ha lasciato la poetessa Alda Merini a causa di un tumore osseo (sarcoma) all’Ospedale San Paolo di Milano. Usufruiva negli ultimi anni della sua vita della Legge Becchelli che da un sostentamento agli artisti hanno reso grande l’Italia, che però non anno nel presente mezzi di sostentamento. (2009).

Anche il mondo della televisione ha un tributo da pagare. Una colonna portante di tutta la televisione italiana fino al momento della sua morte è stato senz’altro Mike Bongiorno. Ha iniziato a lavorare in Rai appena sbarcato in Italia e a Mediaset (allora Fininvest) all’inizio della liberalizzazione delle tv private. E’ stato apripista su tutti i fronti. Nei mesi prima di morire stava organizzando la sua ennesima avventura: quella legata alla piattaforma satellitare Sky. (2009). Alberto Castagna è stato un giornalista e conduttore televisivo italiano. Debuttò in televisione come giornalista del Tg2, lasciando poi la testata per condurre i programmi di Michele Guardì Mattina 2 e I fatti vostri, che lo resero popolare tanto da permettergli di vincere un Telegatto come “Personaggio maschile dell’anno” nel 1993. Nello stesso anno passò alla Fininvest. Su Canale 5 condusse alcune trasmissioni nel primo pomeriggio, ma in particolar modo portò al debutto Stranamore, programma di successo al quale legò la sua immagine e che condusse fino a pochi giorni prima della sua morte, avvenuta nel 2005. Il suo stato di salute aveva tenuto in allarme il pubblico e i media alcuni anni prima, a causa di un aneurisma che lo aveva costretto ad una lunga convalescenza lontano dagli schermi. (2005). Ambrogio Fogar è stato un navigatore, esploratore, scrittore e conduttore televisivo italiano. Il 12 settembre 1992 è vittima di un terribile incidente in Turkmenistan, durante il raid Pechino-Parigi nel quale compone un equipaggio con Giacomo Vismara. Il fuoristrada si ribalta, il suo compagno esce miracolosamente illeso, ma Fogar subisce la frattura della seconda vertebra cervicale e rimane quasi completamente paralizzato. Questa disgrazia non riesce a domare il suo spirito d’avventura: nel 1997, su una sedia a rotelle basculante, partecipa al giro d’Italia in barca a vela. In questo periodo è testimonial per la campagna di raccolta fondi dell’associazione miolesi e per la crociata di Greenpeace contro la caccia alle balene. Muore il 24 agosto 2005 per infarto cardiaco e viene sepolto nel Cimitero monumentale di Milano. (2005). Gianfranco Funari è stato un conduttore televisivo, opinionista e cabarettista italiano, autodefinitosi il giornalaio più famoso d’Italia. Si rese celebre con uno stile comunicativo particolare, intenso, caratterizzato da un linguaggio molto diretto, caustico e spesso volgare. Trattava temi politici e di attualità riuscendo a creare spesso polemiche e rappresentando il bersaglio di critiche e di attacchi da più parti. (2008).

Nel mondo della musica a spiccare su tutte è la morte di Michael Jackson, poliedrico cantante statunitense: tra i pochi che seppe essere credibile dopo essere stato considerato un bambino prodigio e diventare credibile costruendosi una carriera solista. Quello che lo ha consumato, però è la sua vita privata re le sue manie incontestabili per la chirurgia plastica e contestate per i minorenni. (2009).  Bruno Lauzi è stato un musicista della scuola genovese dei cantautori assieme a De Andrè, Tenco, Bindi, Endrigo e Paoli. Artista poliedrico, interpretò e scrisse molte canzoni di successo, soprattutto per celebri interpreti femminili della musica italiana, come Mia Martini e Ornella Vanoni, oltre a cimentarsi nella poesia e nella letteratura. (2006). Mario Merola era soprannominato il Re della sceneggiata per essere riuscito a dare a questo genere tipicamente regionale una popolarità e una dimensione nazionale e un successo sconosciuto prima, fino a farne un genere cinematografico, rappresentando tutto questo anche fuori dal palcoscenico, riuscendo così a dare un volto alla sceneggiata. La sua attività artistica non si è limitata all’interpretazione vocale di brani del repertorio della Canzone classica napoletana, ma ha anche giocato un ruolo nella rivalutazione del genere musicale-teatrale della sceneggiata, in auge nella città partenopea fra la I e la II guerra mondiale. Ed è uno tra gli artisti italiani che ha venduto il maggior numero di dischi, anche se le stime di vendita dei suoi dischi non sono precisate nella loro globalità. (2006). Luciano Pavarotti è stato il più grande tenore lirico dei suoi tempi, ma anche di tutti i tempi. Venerato non solo dopo la sua morte, ma anche in vita. (2007).

Tra gli altri. Pippa Bacca, invece, aveva intrapreso, fin dal 1997, la strada dell’arte performativa. Il filo conduttore della sua arte è la trasformazione degli oggetti in altri oggetti, generalmente con il semplice uso delle forbici: ad esempio, le foto delle persone che le hanno dato un passaggio in macchina vengono ritagliate fino ad assumere la forma di un mezzo di trasporto; l’uncinetto viene usato per creare lavori a maglia con forme falliche o sessualmente allusive; l’opera Surgical mutations (“Mutazioni chirurgiche”) è costituita da foglie raccolte in un bosco e ritagliate in modo da trasformarle in foglie di altre specie vegetali. L’artista venne brutalmente durante un viaggio in Turchia. Per l’omicidio di Pippa Bacca è stato condannato in via definitiva a 30 anni di reclusione dalla Corte di Cassazione turca Murat Karatash. (2008). Lea Garofalo è stata una testimone di giustizia tra le prime a raccontare quello che succedeva all’interno dell’ndrangheta. Non protetta abbastanza dallo Stato. (2009).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...