Economia

Senato approva la Legge Finanziaria 2010 e la Legge di Bilancio.

Senato approva la Legge Finanziaria 2010 e la Legge di Bilancio.

Senato approva la Legge Finanziaria 2010 e la Legge di Bilancio.

Il Senato approva (con 149 sì, 122 no e 3 astenuti) la Legge Finanziaria 2010. Viene inoltre approvata (con 148 sì e 112 no) la Legge di Bilancio.

Non ci saranno limitazioni al turn over del personale nei corpi di polizia e dei vigili del fuoco. La deroga alla manovra estiva 2008, che imponeva un tetto del 20% alle assunzioni in sostituzione del personale uscito di organico (soprattutto andato in pensione) è sancita da uno dei 14 emendamenti alla Finanziaria presentati dal governo.

Polizia e vigili In pratica, nel triennio 2010-2112 la polizia e i vigili del fuoco potranno assumere (e spendere) fino a raggiungere lo stesso livello dell’anno precedente. Per il potenziamento delle assunzioni l’emendamento del governo prevede una spesa di 115 milioni per il 2010, 344 milioni per il 2011 e di 600 milioni a decorrere dal 2012. Le risorse, nelle intenzioni del governo, saranno recuperate anche tagliando un fondo destinato all’istruzione e a eventi celebrativi.

Ponte di Messina Un altro emendamento prevede la ricapitalizzazione della società Stretto di Messina e destina a questo scopo 470 milioni di euro, attuati attraverso aumenti di capitale sottoscritti dall’Anas. La copertura è garantita dal fondo nello stato di previsione del ministero Economia e delle finanze.

Gli altri emendamenti Nel pacchetto di modifiche alla Finanziaria proposte dal governo sono previsti degli sgravi fiscali (calcolati su un rendimento presento della quota capitale) per le banche in relazione ai finanziamenti ed ai contratti di leasing di cui all’accordo di settore dell’agosto scorso.

Caccia ai falsi invalidi Ai fini del recupero di risorse, dal 2010 sono disposti 100mila accertamenti su assegni e pensioni di invalidità correnti.

Giustizia più cara Aumenteranno i costi per avviare alcuni procedimenti giudiziari. Ad esempio, salta l’esenzione del pagamento del contributo per le cause di valore inferiore a 1.033 euro e per i processi esecutivi mobiliari di valore inferiore a 2.500 euro. Il ministero della Giustizia dovrebbe reinvestire le risorse così recuperate in un piano straordinario per lo smaltimento dei processi civili.

Emergenza carceri La somma di 500 milioni di euro è stanziata per risolvere il problema delle carceri sovraffollate.

Tagli negli enti locali E’ previsto un taglio a consigli e giunte comunali e provinciali. Nei Comuni sarà soppressa la figura del difensore civico che resterà attiva a livello territoriale (uno per provincia). Con qualche eccezione per le città più grandi, saranno soppresse le circoscrizioni per il decentramento amministrativo. Dal 2010, inoltre, le Regioni potranno sopprimere le Comunità montane, isolane e di arcipelago. In ogni caso, lo Stato cesserà di concorrere al finanziamento delle Comunità montane.

Stipendi ridotti in Regione In uno degli emedamenti è previsto un tetto agli stipendi dei consiglieri regionali che non potranno comunque guadagnare più di un parlamentare.

Patto di stabilità e sanzioni
 Gli enti locali che rispetteranno i vincoli finanziari del Patto di stabilità interno potranno avere l’anno dopo un allentamento degli stessi vincoli di spesa; chi sfora rischia sanzioni che possono arrivare fino allo scioglimento del consiglio comunale.

Taglio ai fondi per i Comuni Il fondo ordinario degli enti locali sarà ridotto di 85 milioni di euro nel 2010, di 190 nel 2011 e di 240 a partire dal 2012.

Fondi a Roma Capitale Seicento milioni di euro sono destinati nel 2010 a Roma capitale. I soldi arriveranno da un piano complessivo che dovrebbe riguardare la dismissione e vendita di immobili militari.

Scudo fiscale per tutto La cifra prevista non è indicata, ma gli introiti dello scudo fiscale, quali che saranno, saranno utilizzati per i seguenti interventi: “sostegno all’autotrasporto, alle missioni di pace, agli impegni derivanti dalla partecipazione a banche e fondi internazionali, alla proroga del 5 per mille, alla garanzia di equilibrio di bilancio per gli enti locali colpiti dal sisma in Abruzzo, alla parziale gratuità dei libri scolastici”, all’agricoltura, alle scuole private, a convenzioni con i Comuni per la stabilizzazioni dei lavoratori Asu, alla Giustizia, al sostegno delle categorie socialmente svantaggiate.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...