Tv

Intervista a Daria Bignardi

La Daria Glaciale

Daria Bignardi

Ha concluso la scorsa stagione con un direttore di rete, Antonio Marano e ora se ne ritrova un altro, Massimo Liofredi. Mutamenti in vista, magari d’atmosfera?
«Liofredi l’ho visto una volta sola per dieci minuti e davvero non ho elementi per giudicare. Parto tranquilla e concentrata sul lavoro che mi aspetta. Non credo che sia il caso di fare drammi: se sorgerà un problema lo affronteremo, ma davvero non mi pare che ne sussistano le premesse».

Con Santoro sono già stati fuochi d’artificio.
«Già, ma anche questa non mi sembra una novità. Sapesse quante volte sono andata in onda io senza contratti! Piuttosto, mi sembra essenziale non farsi travolgere da un senso di accerchiamento o d’insicurezza. Non siamo né in Cina né a Cuba».

Rimpianti per aver lasciato La7?
«No. Il cambiamento fa sempre bene. Certo quello era un piccolo gruppo molto maneggevole. Essere alla Rai comporta altri numeri nell’ascolto e un diverso grado di responsabilità perché sei nel servizio pubblico. E sono gli spettatori, prima di tutto, a importelo».

Cambia qualcosa nella struttura del programma?
«È tutto più scorrevole. Abbiamo adottato lo schema sperimentato nell’ultima puntata: un’intervista all’inizio, una alla fine, in mezzo un confronto fra due personaggi che apparentemente non c’entrano niente l’uno con l’altro ma che, se vengono fatti dialogare e reagire a vicenda, rivelano risvolti interessanti. Si comincia con Andrea De Carlo e Stefano “Edda” Rampoldi dei Ritmo tribale, figura di culto della Milano anni Ottanta che ha passato un periodo in comunità e ora fa l’operaio ponteggista, uno venerato da gente come Mauro Pagani o Vinicio Capossela ma che fa di tutto per non essere famoso. Ci ha incuriosito il fatto che, di un romanzo di De Carlo, avrebbe benissimo potuto essere un personaggio».

Altri ospiti?
«Ci crede se le dico che non lo so?».

No.
«Eppure è così. Decidiamo sulla base della strettissima attualità. Da qui al 2 ottobre, prima puntata vera e propria dopo quella di stasera, c’è ancora un mucchio di tempo. Uno però glielo posso confermare: Mauro Corona viene solo da me e torna tutti gli anni. Lo aspetto a dicembre».

Mi dica almeno se rimane la scenografia con l’albero in studio.
«Sì, quella c’è sempre. Ma per i confronti a due toglieremo una delle scrivanie».

Lei non è più soltanto conduttrice. Il suo libro Non vi lascerò orfani ha avuto un gran successo, con code a Pordenonelegge per assistere al dibattito.
«Lasci stare, mio marito mi ha preso in giro a sangue. Ci sono stati degli svenimenti, ma è stata colpa del caldo sotto la tensostruttura e non mia».

Ha già cominciato a scrivere il secondo.
«Sì, quest’estate. Un romanzo, però è presto per parlarne. Con i libri sono nata, da quando mi telefonavano da Panorama per commissionarmi, per dire, 800 battute sull’Ultimo uomo scimmia del Pleistocene ai 15 anni della Mezz’ora d’aria su Radio DeeJay».

In mezzo c’è stata anche la prima edizione del Grande Fratello. Un’esperienza fondante?
«Diciamo pure un’esperienza straniante. Che però mi ha insegnato a fare la diretta e a gestire gli imprevisti. No, Taricone non lo sento più, l’ho avuto ospite una volta. Ragazzo capace, però. Più profondo di quanto si pensi».

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...