Europa

Russia, Medvedev diventa presidente. Putin resta in regia.

Russia, Medvedev diventa presidente. Putin resta in regia.

Vladimir Putin e Dimitri Medvedev

Dmitri Medvedev, il delfino di Vladimir Putin, è il nuovo presidente russo e la Commissione elettorale, a scrutinio quasi terminato (99,4 per cento delle schede contate), gli attribuisce il 70,23 per cento dei voti. Una vittoria ampia, anche se non travolgente. Il suo più diretto avversario, il comunista Ghennadi Zjuganov, si è fermato al 17,76 per cento dei voti. L’affluenza è stata del 69,65 per cento. I risultati hanno suscitato proteste da parte dell’oppoisizione e perplessità dell’unica missione occidentale che ha seguito le elezioni, quella del Consiglio d’Europa.

Nelle prime dichiarazioni dopo il voto, Medvedev ha assicurato la linea della continuità. “Penso che la mia presidenza sarà una diretta continuazione” di quella di Putin, ha detto. All’obiezione di chi gli contestava che i poteri reali di governo continuerà ad averli il presidente uscente, che sarà nominato premier, ha risposto: “L’ufficio principale del presidente è il Cremlino, quello del primo ministro è la Casa Bianca”. E’ il primo atto del neo presidente dopo l’insediamento è stata la presentazione della candidatura di Vladimir Putin alla carica di premier. La proposta è stata portata all’attenzione della Duma.

Immediate le proteste dell’opposizione, che ha denunciato brogli e annunciato ricorsi. Per oggi sono in programma due manifestazioni a Mosca e San Pietroburgo: l’Altra Russia, il movimento dell’ex campione di scacchi Garry Kasparov, manifesterà nel centro della capitale, anche se le autorità non hanno dato il via libera. Ora occorrerà attendere per capire come reagirà la polizia, che spesso ha disperso con la forza simili manifestazioni. Ieri sera all’ex campione di scacchi che guida la coalizione anti-Putin è stato impedito l’accesso alla Piazza Rossa: Kasparov portava una busta di plastica su cui era scritto “Io non partecipo a questa farsa”.

Dubbi sulla correttezza del processo elettorale sono stati manifestanti anche da Andreas Gross, capo della missione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa: “I risultati delle elezioni presidenziali russe riflettono la volontà degli elettori ma il potenziale democratico non è stato realizzato pienamente”. Il voto, a suo avviso, ha avuto un carattere plebiscitario e ha presentato “i limiti registrati anche alle legislative del 2007”. Inoltre “i dirigenti russi non hanno tenuto in alcun conto le nostre preoccupazioni, a cominciare da quella riguardante la registrazione dei candidati, che mette in dubbio la libertà di queste elezioni. Tra l’altro non hanno migliorato l’approccio dei candidati ai mass media, il che li ha messi in posizione non paritaria”, ha aggiunto Gross.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.