Giustizia

Sicurezza, Mastella apre a invio esercito a Napoli

Mastella: grazie a Napolitano e a Prodi

Clemente Mastella

Il ministro della Giustizia Clemente Mastella ha detto oggi che l’esercito potrebbe affiancare le forze di polizia a Napoli, dopo che negli ultimi tre giorni ci sono stati tre omicidi, uno dei quali compiuto da un ragazzo di 16 anni.

“Non ho ritrosia a che l’esercito affianchi per un periodo eccezionale e straordinario (la polizia)”, ha detto Mastella ai giornalisti. “Su questo è aperta la discussione”.

Secondo il Guardasigilli il compito dell’esercito sarebbe quello di “garantire strutture che non siano sensibilissime, dando scioltezza e possibilità di maggiore presenza della polizia nelle strade”.

I media nazionali hanno dato oggi grande rilievo alla serie di aggressioni che si sono verificate a Napoli negli ultimi tre giorni — un tabaccaio ucciso da un rapinatore venerdì, l’assassinio della madre di due camorristi sabato e una lite tra ragazzi ancora sabato, che è finita con un 18nne accoltellato a morte per mano di un ragazzo di 16 anni.

Il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, ha detto oggi in un’intervista a Repubblica di non opporsi all’invio dell’esercito, anche se “è già venuto altre volte e non ha risolto granché”.

Lo scopo di avere i militari a Napoli sarebbe quello di liberare la polizia da altre incombenze, riuscendo a mandare più agenti a presidiare le strade, ha affermato Bassolino.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.