Cronaca

Crollo palazzo Via Lomellina a Milano

Crollo palazzo Via Lomellina a Milano

Crollo palazzo Via Lomellina a Milano

C’è il suicidio della psicologa Esmeralda Sfolcini di 49 anni all’origine del crollo del palazzo di via Lomellina 7 a Milano. La donna, che aveva problemi di socialità, avrebbe aperto il gas per uccidersi, provocando il crollo di gran parte dello stabile. Lo si apprende in ambienti giudiziari. Sembra così superata la prima ipotesi di fuga di gas dovuta a malfunzionamento degli impianti, perdurante da due anni, secondo quanto riferito da alcuni sopravvissuti al crollo. Nel crollo sono rimaste uccise quattro persone. Oltre alla donna, le altre vittime sono un bambino di 7 anni, Francesco Orlandi, un pensionato di 69 anni, inquilino dello stabile e un albanese sulla trentina che, al momento della deflagrazione, alle 20 di ieri, si trovava di passaggio lungo la strada. Quanto ai feriti, invece, il bilancio è salito a 24, di cui 14 dimessi e 10 in osservazione: per questi ultimi la situazione è sotto controllo e dallo staff della protezione civile non si segnalano casi di particolare gravità.

Categorie:Cronaca, Politica locale

Con tag:,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.