Mondo

L’autocritica di Google

L'autocritica di Google

L’autocritica di Google

La versione internazionale di Google non è più raggiungibile in moltissime province della Repubblica Popolare Cinese. Per molti analisti la decisione di Pechino di oscurare la versione intemazionale è da considerare una risposta alle dichiarazioni di Sergey Brin, uno dei due fondatori del motore di ricerca americano. Brin ha infatti criticato la propria compagnia per aver accettato i diktat delle autorità per impedire agli internauti cinesi l’accesso a temi e siti sgraditi a Pechino, ma ha subito aggiunto che continuerà a funzionare il sito Google.cn gradito alle autorità. Brin ha infatti affermato che Google continuerà a far funzionare il motore di ricerca censurato e deciderà soltanto in seguito se mantenerlo attivo oppure fare marcia indietro. «Reporters Sans Frontières» ha commentato così l’autocritica parziale di Brin: «Google ha finalmente preso la sua posizione ed è entrata a far parte del club delle aziende occidentali totalmente piegate al regime cinese».

Categorie:Mondo

Con tag:,,

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.