Parlamento

Vittoria di Prodi: reazioni dall’estero

Vittoria di Prodi: reazioni dall'estero

Romano Prodi

Berlusconi non ammette la sconfitta elettorale e getta nell’imbarazzo le capitali di tutto il mondo. La scelta del Cavaliere, finora inedita tra i premier europei, ha lasciato i partner incerti sul da farsi. Complimentarsi con il vincitore o aspettare il corso degli eventi? C’è chi ha preso tempo e non si è sbilanciato. Ma c’è chi, pur tra mille cautele, ha recapitato a Prodi gli auguri di rito per il risultato sancito dalle urne; finendo per accreditare nei circuiti internazionali la vittoria del centrosinistra. Un capolavoro di diplomazia è invece riuscito agli Stati Uniti, per tradizione cauti quando si tratta di commentare le vicende interne dei paesi amici. Senza sbilanciarsi sul verdetto elettorale, un portavoce della presidenza è intervenuto per ribadire che l’amministrazione Bush è «pronta a lavorare con il futuro governo italiano» ed ha annunciato che, quando i risultati saranno ufficializzati dall’ammissione dello sconfitto, George W. Bush prenderà contatto con Roma.

Se del caso, per rivolgere le congratulazioni a Prodi e per dare un addio telefonico all’amico Berlusconi. Nel pomeriggio di ieri il primo leader europeo a fare i complimenti al Professore è stato il belga Guy Verhofstadt. In una telefonata dai contenuti estranei alla routine, il premier liberale si è detto «convinto che l’ Italia guidata da Prodi tornerà a dare il proprio contributo» all’Unione europea. Più o meno alla stessa ora anche il presidente della Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, si è messo in contatto con Roma. Per fare i complimenti a Prodi e per ringraziare Berlusconi dell’ atteggiamento collaborativo mostrato negli ultimi anni. Impossibile dimenticare la sintonia tra i due sulla guerra in Iraq e il sostegno ricevuto da parte del Cavaliere ai tempi della sua nomina a Bruxelles. Anche il commissario agli Affari economici Joaquin Almunia – per ovvi motivi molto interessato al risultato elettorale – ha rilasciato una dichiarazione sull’ Italia. In una nota ha chiesto al nuovo governo di lavorare per un rapido rientro del deficit entro i parametri di Maastricht, così come chiesto dall’ Europa al governo della Cdl, e per rinforzare la crescita economica. Più incisivi i commenti giunti dall’ Europarlamento. Per il leader dei liberali, Graham Watson, la vittoria del centrosinistra «è una buona notizia per l’ Europa», mentre per quello socialista, Martin Schulz, «è una vittoria della democrazia» di tutto il continente. La vittoria dell’ Unione è stata accreditata anche dalla Francia. In una lettera a Prodi il ministro degli Affari europei Catherine Colonna ha rivolto al leader dell’ Unione «calorosi auguri», auspicando di poterlo vedere presto a Parigi per dialogare sul rilancio dell’ Europa. Argomento, ha riconosciuto, che in virtù del suo passato europeo a Prodi calza a pennello. Anche in Sud America c’ è chi ha dato credito alla vittoria del centrosinistra. Il presidente argentino, Nestor Kirchner, ha sottolineato che il nuovo governo saprà «rafforzare» il Paese. Altre capitali hanno invece scelto di non esprimersi ufficialmente, affidando i commenti a canali indiretti. A Mosca ci ha pensato Russia unita, il partito di uno degli «amici» storici di Berlusconi, Vladimir Putin. La vittoria di Prodi, questo il commento, potrebbe dare il via ad una politica italiana «più bilanciata» verso i differenti centri di potere internazionali.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.