Governo

Ddl discriminazione persone disabili

Ddl discriminazione persone disabili

Ddl discriminazione persone disabili

Con la Legge 1 marzo 2006, n. 67 (Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni) si assumono anche per le persone con disabilità strumenti di procedura giudiziaria già adottati per altri aspetti discriminatori. La norma trae origine e ispirazione da direttive dell’Unione Europea sulla parità di trattamento fra le persone.

L’articolo 2 della Legge 67/2006 illustra quali siano i comportamenti da considerare discriminatori distinguendo fra discriminazione diretta e indiretta. La discriminazione è diretta quando, per motivi connessi alla disabilità, una persona è trattata meno favorevolmente di quanto sia, sia stata o sarebbe trattata una non disabile in una situazione analoga. La discriminazione è indiretta quando una disposizione, un criterio, una prassi, un atto, un patto o un comportamento apparentemente neutri mettono una persona con disabilità in una posizione di svantaggio rispetto ad altre persone. Rappresentano poi discriminazione tutti quei comportamenti indesiderati che creano nei confronti dei disabili un clima di intimidazione ostile e degradante, il cosiddetto mobbing, oltre che a ledere la loro dignità e libertà.

Le misure previste per contenere o sanzionare i comportamenti discriminatori sono, come già detto, di natura giurisdizionale, consistono cioè in una maggiore tutela di chi ricorre contro situazioni discriminatorie. Il Legislatore riprende le disposizioni di tutela giurisdizionale già previste dal Testo unico sull’immigrazione (articolo 44 del Decreto Legislativo n. 268/1998) che si affiancano a quelle ordinarie previste dal Codice Civile. L’articolo 44 del Decreto Legislativo n. 268/1998, prevede “in presenza del comportamento produttivo di una discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi […] la possibilità di agire in giudizio davanti al tribunale civile in composizione monocratica al fine di poter ottenere un’ordinanza che, anche in via di urgenza, possa rimuovere gli effetti della discriminazione e risarcire il danno subito, anche se di natura non patrimoniale”.

In caso di accoglimento, i provvedimenti richiesti sono immediatamente esecutivi. Una sanzione penale è irrogata in caso di mancata esecuzione dei provvedimenti del giudice (reclusione fino a tre anni o multa da 103 a 1.032 euro). Ora queste disposizioni si estendono anche agli episodi di discriminazione che riguardano le persone con disabilità. Il comma 2 dell’articolo 3 introduce un elemento tecnico che consente al Giudice di valutare gli elementi indizianti con una maggiore discrezionalità di giudizio nella valutazione delle “prove”. Il ricorrente (il disabile, quindi) è maggiormente avvantaggiato nelle produzione degli elementi probatori di fatto che devono comunque essere “gravi, precisi e concordanti”. Nel caso di esito favorevole al disabile, il giudice, oltre a provvedere, se richiesto, al risarcimento del danno, anche non patrimoniale, ordina la cessazione del comportamento, della condotta o dell’atto discriminatorio, se ancora sussiste, e adotta ogni altro provvedimento per rimuovere gli effetti della discriminazione, compresa l’adozione, entro un dato termine, di un piano di rimozione delle discriminazioni accertate.

È anche prevista una ulteriore modalità di riparazione del danno. Il giudice infatti può ordinare la pubblicazione della sentenza per una sola volta “su un quotidiano di tiratura nazionale, ovvero su uno dei quotidiani a maggiore diffusione nel territorio interessato” a spese del soccombente. L’ultimo articolo della nuova norma prevede che la persona disabile possa farsi rappresentare in giudizio da associazioni o enti individuati con decreto del Ministro per le Pari opportunità, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, sulla base della finalità statutaria e della stabilità dell’organizzazione. Il decreto è stato approvato dal secondo Governo Prodi. Le stesse associazioni e gli enti possono intervenire nei giudizi per danno subìto dalle persone con disabilità e ricorrere in sede di giurisdizione amministrativa per l’annullamento di atti lesivi degli interessi delle persone stesse. Sono altresì legittimate ad agire, in relazione ai comportamenti discriminatori quando questi assumano carattere collettivo e quindi, ad esempio, ricorrere al giudice amministrativo (il TAR) contro le delibere regionali o dei Comuni.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.