Governo

Finanziaria 2006, contro i tagli alla Cultura Buittiglione minaccia di dimettersi

Udc contro Forza Italia, la tensione torna a salire

Rocco Buttiglione

Continua la guerriglia sulla Finanziaria. Dopo i malumori emersi nel corso del vertice di martedì scorso sul maximendamento per distribuire le risorse a favore della famiglia, ieri il ministro per la Cultura Rocco Buttiglione è uscito alla scoperto minacciando le dimissioni. «I tagli devono rientrare, o il ministro dovrà cambiare», ha detto. Sventata l’ ipotesi, balenata all’ inizio della settimana, di ridurre gli stanziamenti per la famiglia a favore dello spettacolo e della cultura, ieri ha tenuto banco una polemica dal sapore analogo che ha riguardato Comuni e Regioni. Da un incontro, martedì sera, tra il viceministro dell’ Economia Vegas e i responsabili degli enti locali della Cdl è emersa l’ ipotesi di ridurre i tagli ai Comuni (dal 6,7 al 5,2 per cento) compensandoli con maggiori risparmi sulle Regioni (dal 3,5 al 4,9 per cento). Il pacchetto di correzioni, messo a punto dal governo e dagli enti locali della Cdl, prevederebbe anche di allargare la soglia di esclusione dal Patto di Stabilità interno ai Comuni fino a 5 mila abitanti (ora fino a 3.000), il che comporterebbe aggravi di spesa per 150 milioni di euro. «Stiamo valutando l’ ipotesi», ha confermato il Ragioniere generale Mario Canzio. Appena pochi minuti dopo è giunta tuttavia la reazione indignata dei «governatori»: «Soluzione inaccettabile», ha dichiarato Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni. Solo allora è giunta la frenata di Vegas: «Nulla di deciso, solo un’ ipotesi». La necessità di tenere stretti i cordoni della spesa pubblica continua a tenere sotto pressione il governo. Ieri, con la pubblicazione del decreto di venerdì scorso contenente la manovra-bis di fine anno, è emerso che l’ intervento sul 2005 è di soli 1,9 miliardi. Di questi i tagli ai ministeri saranno di 300 milioni: tra l’ altro saranno penalizzate le Olimpiadi invernali di Torino (55,7 milioni), i provvedimenti per il made in Italy (22 milioni) e gli acquisti da parte degli istituti scolastici compresi quelli per disabili. «E’ una manovra cattiva e inaccettabile», ha dichiarato ieri il segretario della Cgil-Scuola Enrico Panini. I tagli dell’ ultimo decreto si accoppiano a quelli per i consumi intermedi dei ministeri per il prossimo anno previsti dalla Finanziaria e l’ insieme delle misure sta generando, nelle ultime ore, problemi di pagamenti alle imprese creditrici dello Stato. Secondo il Servizio Bilancio del Senato si tratta di numeri «irrealistici» perché la spesa per beni e servizi dei ministeri è già stata oggetto di tagli negli anni passati. Intanto il governo, con il sottosegretario Armosino, ha annunciato un parere favorevole ad un emendamento alla Finanziaria che recuperi l’ esenzione Ici per gli immobili commerciali della Chiesa cattolica, estendendola anche alle altre confessioni che hanno siglato intese con lo Stato italiano. Netto il «no» della Chiesa valdese: «L’ estensione anche a noi di quello che ci appare un privilegio non ne modifica la natura e ci trova contrari», ha dichiarato la moderatrice della Tavola valdese, Maria Bonafede. Al Senato è intanto decollato l’ esame della Finanziaria: l’ Udc ha già presentato un emendamento per sterilizzare l’ aumento delle tariffe elettriche nei primi due trimestri del 2006.

2 risposte »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.