Centrodestra

Udc, Follini si dimette

Follini: "Se l'Udc resta nella Cdl io non ci sarò"

Marco Follini

«E’ come se ci fossimo tutti tolti un peso, sia io sia quelli che mi tolleravano… «. Marco Follini non aggiunge nulla di più al termine di una lunghissima giornata iniziata alle 9.30 da segretario del partito e terminata da ex. In molti lo hanno cercato dopo lo strappo in direzione, ma il segretario – a parte due telefonate con Letta e Tremonti per fornire spiegazioni di prima mano – si è negato a tutti. Del resto quel che aveva da dire lo aveva già illustrato con una chiarezza quasi brutale davanti ai dirigenti dell’ Udc, riuniti al piano interrato dell’ Hotel Minerva. Una relazione durissima, contro tutti e tutto. Follini parte dalla legge elettorale e ricorda di aver avanzato obiezioni di merito (per la mancanza delle preferenze) e di metodo, per aver voluto approvarla a maggioranza: «Ritenevo che si dovesse fare di più per coinvolgere l’ opposizione». Quella che desiderava Follini era insomma «una legge in cui la furbizia e la virtù si tenessero in equilibrio, non una situazione in cui l’ una schiacciasse l’ altra». Ma è Silvio Berlusconi il cuore del problema. E’ Follini stesso a riassumerlo più tardi per i giornalisti: «Ho chiesto un altro leader e un modo democratico per sceglierlo. Tutto questo oggi non c’ è e mi è sembrato giusto trarne le conseguenze».

In direzione la prende più alla lontana: «I prossimi anni costringeranno la politica a scendere dal pulpito delle promesse a buon mercato, a dismettere l’ abito dell’ imbonimento». Quella con il Cavaliere non è «una disputa personale» chiarisce il segretario, il problema infatti non è cosa fa Berlusconi, ma fin dove intende spingersi l’ Udc per ottenere «un altro centrodestra». Il segretario chiama direttamente in causa Pier Ferdinando Casini, con stoccate pungenti: «Il problema siamo noi. Il problema è se i nostri propositi sono di pastafrolla. Quale paura ci induce oggi a giocare improvvisamente al ribasso?». Poi ricordando beffardamente le uscite agostane di Casini, rincara: «Abbiamo spiegato agli italiani che occorreva “discontinuità”. Abbiamo detto “o si cambia o si muore”. E adesso sento dire che se non si cambia troppo si sopravvive più agevolmente. E’ una svolta che non mi appartiene». Insomma per Follini «il punto andava tenuto fino in fondo, ad ogni costo». Così non è stato, a partire da Casini. Il presidente della Camera non partecipa alla direzione, preferisce restarsene lontano dalle beghe del partito. Più tardi però, riferendosi all’ ex numero uno rossoblù Giuseppe Gazzoni Frascara, pronuncia una battuta che tutti associano a Follini: «L’ ingratitudine mi sembra che non ci sia solo in politica, ma anche nel mondo sportivo». Il segretario nella relazione se la prende anche con la delegazione ministeriale «che ha amministrato le sue possibilità di influenza in modo opaco e in qualche tratto non dirò ossequioso ma almeno ripiegato». Quindi dimissioni irrevocabili, nonostante la «mozione degli affetti» che da tante parti gli viene rivolta, dimissioni perché «non esistono uomini per tutte le stagioni». Il dibattito che segue in direzione è lungo e a tratti anche aspro, specie quando i ministri si difendono dall’ accusa di essere stati proni a Berlusconi. Ma tutti ormai pensano al dopo, consapevoli che il partito non può permettersi di restare a lungo senza guida. Lorenzo Cesa suggerisce di tenere un Congresso a fine gennaio per restituire lo scettro al presidente della Camera. Ma intanto che fare? Si pensa a una triumvirato Buttiglione-Tassone-Cuffaro, qualcuno vorrebbe affidare la reggenza a Mario Baccini. Ma l’ ipotesi che sembra emergere è quella di un “ticket”: il capogruppo Luca Volonté segretario politico, coadiuvato da un Lorenzo Cesa alla macchina organizzativa. Una soluzione andrà trovata prima del Consiglio nazionale che sarà convocato il 24 ottobre.

1 risposta »

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.